Milan, Pioli:
Milan
0

Milan, Pioli: "Le critiche dei tifosi? Sono uno stimolo"

Il nuovo allenatore rossonero si presenta: "Io interista? Il passato è passato, ero un ragazzino. Voglio idee, intensità e spregiudicatezza. Giampaolo? Ha lavorato bene, ma è diverso da me"

MILANO - Prime parole da allenatore del Milan per Stefano Pioli, presentato ufficialmente dal club rossonero, dopo la firma su un contratto biennale, siglata in mattinata: “Arrivo qui con entusiasmo e passione. Sono convinto che possiamo fare un grande lavoro” spiega Pioli in conferenza stampa. Nessun timore per le perplessità di tanti tifosi, a causa della sua carriera priva di grandi successi e per il suo recente passato all’Inter: “Ho rispetto per i tifosi e loro hanno diritto di critica, ma per me è uno stimolo ulteriore – spiega Pioli - ci sarà da lavorare sia sulla testa dei giocatori che sulla disposizione in campo, saranno dieci giorni importanti e cercherò di sfruttare qualsiasi istante”.

Stefano Pioli a Milano "scortato" dai giornalisti

Pioli: "Voglio idee, intensità e spregiudicatezza"

Tre i principi a cui si dovrà affidare il Milan di Pioli: “Idee, intensità e spregiudicatezza” dice senza esitazione l’allenatore di origine emiliana. Difficile capire quali saranno i punti di continuità con la gestione di Marco Giampaolo: “E’ un bravo allenatore, ma è diverso da me. Dovrò essere bravo a far arrivare il prima possibile alla squadra le mie idee. Partiamo da un buon livello, ci sono ragazzi di valore, Marco ha lavorato bene. Vorrei far giocare un calcio che i ragazzi abbiamo il piacere di giocare”. Poi si spiega ancora meglio: "Io mi adatto ai miei giocatori. Devo migliorarli individualmente per farli crescere come collettivo".

"Io interista? Ero un ragazzino"

Sulle accuse di essere un tifoso dell’Inter Pioli risponde serenamente: “Il passato è passato, non si può confondere un ragazzino di 13 anni pieno di capelli con uomo maturo, un professionista, ora pelato e con la barba”. Poi torna al lavoro da fare nelle prossime settimane: “Devo conoscere i giocatori, sono molto esigente con loro e con me stesso. Non sopporto la superficialità e la poca ambizione. Dobbiamo dare il massimo per ottenere grandi risultati. Subentro a 31 partite dalla fine quindi c'è tempo per lavorare e fare bene. Dobbiamo lottare per andare in Champions”.

"Piatek è un bomber, Paquetà ha qualità e quantità"

Pioli si sbilancia anche nell’analisi dei singoli: “Piatek è molto efficace dentro l'area, è un bomber, ma ci sono anche tanti altri giocatori che possono fare gol. Paquetà è una mezzala di qualità e di quantità. Mi piace spostare i giocatori durante la gara, può giocare anche tra le linee. Ha diversi gol nelle gambe ed è bravo ad inserirsi. Leao ha un grande potenziale, deve essere sfruttato. Tutti si devono sentire coinvolti. Suso è un giocatore di qualità indiscutibile, bisogna fargli giocare tanti uno contro uno. Può fare molto bene”. A chi gli chiede uno slogan risponde con pragmatismo: "Vincere. Testa alta o testa bassa, bisogna vincere".

Tutte le notizie di Milan

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

Squadra PT Squadra PT
Juve 63 Sassuolo 32
Lazio 62 Cagliari 32
Inter 54 Fiorentina 30
Atalanta 48 Udinese 28
Roma 45 Torino 27
Napoli 39 Sampdoria 26
Milan 36 Genoa 25
Verona 35 Lecce 25
Parma 35 Spal 18
Bologna 34 Brescia 16
SERIE A - 26° GIORNATA
SABATO 29 FEBBRAIO 2020
Lazio - Bologna 2 - 0
Napoli - Torino 2 - 1
DOMENICA 01 MARZO 2020
Lecce - Atalanta 2 - 7
Cagliari - Roma 3 - 4
DOMENICA 08 MARZO 2020
Parma - Spal 0 - 1
Milan - Genoa 1 - 2
Sampdoria - Verona 2 - 1
Udinese - Fiorentina 0 - 0
Juve - Inter 2 - 0
LUNEDÌ 09 MARZO 2020
Sassuolo - Brescia 3 - 0