Milan, Boban licenziato. Il futuro di Maldini è un giallo

Zvone esce di scena dopo nove mesi. Gazidis solo al comando
© LAPRESSE

MILANO - Da ieri sera Zvonimir Boban non è più un dirigente tesserato del Milan. Poco dopo le ore 18 il club ha diffuso un comunicato dove, in maniera unilaterale, ha licenziato il croato. «Ac Milan conferma di aver comunicato al Signor Zvonimir Boban la risoluzione del contratto con effetto immediato per il ruolo di Chief Football Officer del Club. Il Club ringrazia Zvonimir per il suo operato in questi 9 mesi e gli augura il meglio per il futuro professionale - questo il testo apparso sul sito - Inoltre Il Club conferma piena fiducia in Stefano Pioli e il suo staff tecnico, e guarda con ottimismo alla seconda parte della stagione, con la determinazione di continuare il percorso di crescita per tornare ai vertici del calcio mondiale con un progetto coerente con i parametri del fair play finanziario».

Milan, rifinitura a porte chiuse. Pioli studia il silenzio di San Siro
Guarda la gallery
Milan, rifinitura a porte chiuse. Pioli studia il silenzio di San Siro

Gazidis solo al comando

Quindi al Milan è rimasto un uomo solo al comando, Ivan Gazidis. Il plenipotenziario ieri mattina ha confermato di aver assunto i pieni poteri del club. Anche e soprattutto per quanto riguarda l’area tecnica. L’ad ha assistito alla rifinitura della squadra svoltasi a San Siro per collaudare il paradossale effetto... vuoto determinato dalla totale assenza di pubblico. Dopo l’allenamento Gazidis si è trattenuto nello spogliatoio comunicando la nuova situazione che si è venuta a creare in questi ultimi giorni. Boban «fuori» dal progetto Milan, massima fiducia in Pioli e nessun contatto con Rangnick. Questa la sintesi del discorso (durato una decina di minuti) dell’ad Ivan dove ha ricordato a tutti i presenti, primo fra tutti Stefano Pioli, che saranno giudicati sui risultati. Gazidis ha anche aggiunto che parlerà presto con Maldini e Massara per definire il loro futuro. Così come era accaduto venerdì pomeriggio a Milanello, nessuno elemento della «triade» manageriale ha accompagnato il numero due rossonero nella sua visita a San Siro. Il licenziamento di Boban attende solo la ratifica. Maldini e Massara potrebbero «resistere» fino al 30 giugno. Ma nel frattempo Gazidis potrebbe promuovere a mansioni più specifiche e di qualità Hendrik Almstadt e Geoffrey Moncada.

Leggi l'articolo completo nell'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

Commenti