Milan, parla Salvini: "Il problema non è Rangnick, ma la società"

Il leader della Lega: "Siamo messi male. In questi anni abbiamo buttato milioni senza combinare nulla, vorrei un presidente italiano"
© ANSA

NAPOLI - "Come siamo messi male. I problemi sono sempre ai vertici. Il problema non è il signore tedesco che deve imparare la lingua ma quanti milioni di euro abbiamo buttato in questi anni senza combinare nulla". Sulla polemica innescata dal direttore tecnico del Milan Paolo Maldini nei confronti del tecnico tedesco Ralf Rangnick ("prima di parlare dia una ripassata al concetto di rispetto") interviene il leader della Lega Matteo Salvini puntando il mirino contro la società. "Il problema - ha detto Salvini intervenendo a Radio Kiss Kiss - è nei vertici. Non so quanti ne abbiamo cambiati di allenatori e giocatori. Se non funziona la testa, non funziona nulla. Temo che se non ci sarà un chiarimento a livello di società, tra dieci anni siamo ancora qua a cambiare modulo". "Quale presidente mi piacerebbe? Uno con nome e cognome - ha aggiunto - preferibilmente italiano, non un fondo azionario a cui interessa poco il risultato del Milan la domenica pomeriggio. Uno che sai dove sta e nel bene o nel male ci mette grinta e passione. Se il presidente è un fondo speculativo finisce la poesia".

Milan, Maldini attacca Rangnick: "Invasione di campo, impari rispetto"
Guarda il video
Milan, Maldini attacca Rangnick: "Invasione di campo, impari rispetto"

Commenti