Ibra al ristorante a Milano: sui social tifosi divisi

Il pranzo dello svedese in zona rossa continua a far discutere: su Twitter pareri discordanti
Ibra al ristorante a Milano: sui social tifosi divisi© LaPresse
TagsIbrahimovicMilan

Una presenza “pesante”, che ovviamente non è passata inosservata. Non si placano le polemiche dopo l’avvistamento di Zlatan Ibrahimovic in un noto ristorante stellato di Milano, in piena zona rossa. Il club si è affrettato a ridimensionare l’accaduto, spiegando che si sarebbe trattato di un incontro privato (e di lavoro) con un numero limitato di persone. Ma, come sempre, il web si divide. C’è chi accusa il fuoriclasse svedese e chi invece lo difende. “Zlatan al ristorante? E poi su Instagram pubblicano la foto della grigliata di pasqua con 20 persone....dai facciamo i seri”, “Ma l'Ibrahimovic beccato domenica (in zona rossa) in un ristorante a Milano, è lo stesso Ibrahimovic scelto come testimonial da Regione Lombardia per spingere ad usare la mascherina e rispettare le regole anti-Covid Un esempio di coerenza, insomma”.

Milan, polemica intorno a Ibrahimovic: pranzo in zona rossa
Guarda il video
Milan, polemica intorno a Ibrahimovic: pranzo in zona rossa

Ibra al ristorante: Twitter diviso

L’ironia è un’arma che non manca mai: “Ibrahimovic fotografato all'interno di un ristorante a Milano. A quello che ha fatto la foto gli ha detto: ‘Mi sembra strano eh?’” ha scritto un utente su Twitter in riferimento all’espulsione rimediata nel match contro il Parma. “Per evitare voci, Ibrahimovic ha deciso di comprarsi direttamente il ristorante” o ancora “Ecco la sua difesa. Ma saranno ca… miei?”. Quest’ultimo tweet riprende invece il recente tormentone di Elio a Lol, il fortunato game show distribuito da Amazon Video.

Milan, i migliori video

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti