Milan, Pioli su Ibra: "Da quando c'è lui non entro nello spogliatoio"

Il tecnico dei rossoneri sul centravanti svedese: "Ha alzato il livello del gruppo. Gli altri lo riconoscono come un esempio"
Milan, Pioli su Ibra: "Da quando c'è lui non entro nello spogliatoio"© LAPRESSE
TagspioliMilanIbrahimovic

"La pressione? La viviamo settimanalmente. Non siamo partiti per vincere il campionato o la Champions". Il Milan, come un anno fa, è in testa alla classifica, ma Stefano Pioli, tecnico dei rossoneri, preferisce non guardare troppo oltre. "Noi puntiamo a vincere sempre la prossima partita. Il club è sempre presente - ha dichiarato ai microfoni di Dazn - ci sostiene sempre, e' vicino a noi e ci da' tutti i supporti possibili: e' la forza della squadra. Maldini, Massara e Gazidis vivono quotidianamente il nostro modo di lavorare, sanno quando intervenire". Pioli ricorda i momenti più importanti della sua carriera e spiega: "Non vado mai a spiegare ai giocatori le mie scelte, sanno che cerco di mettere in campo la squadra migliore. Ovviamente la mia porta poi e' sempre aperta, se vogliono delle spiegazioni, possono venire. Le esperienze passate mi hanno insegnato tanto, sia quelle positive che quelle negative. Ora alleno il Milan un club tra i più prestigiosi al mondo, è chiaro che la visibilità è nettamente superiore, ma ho avuto bisogno delle mie tappe".

Giroud, gol decisivo contro il Torino: il Milan vince 1-0
Guarda la gallery
Giroud, gol decisivo contro il Torino: il Milan vince 1-0

Pioli su Ibrahimovic: "Alza il livello della squadra"

"Cosa dire prima della partita e post partita e' una delle cose più importanti - prosegue Pioli - ma ora non dico più niente dopo le partite, da quando c'e' Ibra entro anche meno nello spogliatoio: dopo la partita siamo poco lucidi, a meno che non ci siano cose particolari non intervengo mai, aspetto il giorno dopo". Su Ibrahimovic Pioli spende importanti parole d'elogio: "Ha una grande mentalità e una forza interiore. Malgrado tutto quello che ha fatto, ha ancora voglia di dimostrare di essere un campione, un protagonista, basta vedere come sta lavorando per superare delle difficoltà, dei dolori. Dentro di sè ha una motivazione che è incredibile e che trasmette a tutti. Quello che mi ha sorpreso è stata la sua grande intelligenza e la sua sensibilità nell'entrare con calma in un gruppo che non era ancora formato. Zlatan pretende tantissimo da se stesso e per questo pretende tanto anche dagli altri. Alza il livello e gli altri lo riconoscono come un compagno che li può fare crescere".

Milan, i migliori video

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti