Gol su gol, ora il Milan fa vedere le stelle

I campioni d’Italia rossoneri sono ripartiti all’attacco: chiusa la stagione dei tanti 1-0 il Diavolo punta al 20° scudetto grazie alle reti delle punte
Gol su gol, ora il Milan fa vedere le stelle© Getty Images
4 min
Adriano Ancona
TagsMilan

MILANO - Tutti dentro il mega-progetto di convolare alla seconda stella. Coi gol come specialità della casa. Quasi a dimenticarsi che lo scorso anno il Milan ha ottenuto lo scudetto fortificato dagli 1-0, risultato ripetuto sette volte. Quella, per certi versi, è già un’immagine sbiadita. Appartiene al passato, anche se è proprio ai “vecchi” che Stefano Pioli ha deciso di affidarsi per picconare l’Udinese. È un Milan che ha messo radici, in ogni caso. Il consuntivo dell'estate, tra amichevoli attendibili e questo poker di campionato, porta a 21 gol segnati nell’arco di sei partite.

Doppio Rebic, Diaz ed Hernandez: Milan show con l'Udinese
Guarda la gallery
Doppio Rebic, Diaz ed Hernandez: Milan show con l'Udinese

L’inedito piace

Ne ha fatti un paio per tempo, due sere fa a San Siro, un Milan che come biglietto da visita ha il tricolore cucito sulla maglia. Un’ideale carica trasferita anche a giocatori come Brahim Diaz, che pure l’anno scorso aveva cominciato sgasando. Gol e assist incorporati, nel battesimo della sua seconda stagione da numero dieci rossonero. L’importante è che lo spagnolo non entri in letargo com’è successo lo scorso anno, dopo un mese folgorante. E' una sinfonia che segna e diverte, quella di Pioli. Col piacere dell’inedito: nel 2022 non era ancora capitato al Milan di segnare quattro volte nella stessa gara, in campionato. L’ultima volta, storia della partita di fine girone lo scorso anno – quella pre-natalizia a Empoli – era stata anche quella di cambiamenti efficaci. Con lo stesso Diaz, per la prima volta “panchinato” per scelta tecnica e l’intenzione di puntare su un Kessie avanzato. La svolta, a San Siro contro l’Udinese, in qualche modo l’ha data proprio lo spagnolo. Uno di quelli consolidati, al suo terzo anno di Milan. Nel senso che le alternative si chiamano Adli e De Ketelaere, da trequartisti: due novità che intrigano fin d’ora – soprattutto il belga, uomo-gol designato assieme al materiale già presente – ma ancora da inserire nei meccanismi rossoneri. Intanto anche Origi ha lasciato tracce di sé davanti al pubblico di San Siro, giocando uno spicchio di partita come Giroud. A parte Ibrahimovic (che pure ieri si è fatto sentire su Instagram: «Il futuro è luminoso»), l’attacco è al gran completo. E ha dato una dimostrazione pratica del suo potenziale, al decollo della stagione.

Calabria, doppia esultanza social: Milan ok e San Siro pieno

Milan, il nuovo look di Ibra fa impazzire San Siro: treccia da Samurai!
Guarda la gallery
Milan, il nuovo look di Ibra fa impazzire San Siro: treccia da Samurai!

Voglia di riscatto

L’impronta del Milan è senza dubbio quella di una squadra offensiva. Trascinata dalla necessità che ha uno come Rebic – per esempio – di dare una passata di cancellino ai recenti alti e bassi. Lo stesso vale per Diaz, finito dentro le celebrazioni della prima vittoria in campionato almeno quanto il croato che ha fatto due gol. Segnali di continuità, dopo il risveglio estivo. Abbinati a una partita al di sotto degli standard di Leao e Messias, che negli ultimi test avevano invece mostrato la dovuta sintonia. La prima giornata non è ingannevole, o fonte di contraddizioni, nel caso del Milan. Serve soltanto a riannodare il filo col passato. E a riprendere un piacevole cammino nel progetto tricolore, stavolta senza sottrarsi all'etichetta di favoriti.

Milan al lavoro, Tonali verso il recupero
Guarda il video
Milan al lavoro, Tonali verso il recupero


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Milan, i migliori video

Commenti