Bufera Napoli, caos fra Ancelotti e De Laurentiis: ecco cosa succederà
© ANSA
Napoli
0

Bufera Napoli, caos fra Ancelotti e De Laurentiis: ecco cosa succederà

Il presidente potrebbe trattenere il 5% dagli stipendi dei giocatori. Nel frattempo tocca all'allenatore risolvere questa brutta storia: sabato si gioca

Quante ne ha viste? In quel giro del Mondo, rotolando nel pallone, c’è stato (quasi) mezzo secolo per scoprire quest’Universo ampio: e però, da Milano a Madrid, da Roma a Monaco, da Parigi a Londra, da una Champions all’altra, chissà se si fosse mai addensata dinnanzi al sopracciglio la virulenza di un ammutinamento, la prepotenza d’una rivolta! [...] «Niente ritiro», l’hanno deciso i calciatori, però «si va in ritiro», cioè ci va Carlo Ancelotti, lui e suo figlio, lui e suo genero, lui e il suo staff , lui e i medici, lui e i fisioterapisti, lui e quello che prova, che sente, che teme, perché è lapalissiano che qualcosa di enorme sia capitato, come mai in vita sua: non l’aveva sfiorato l’idea e neanche immaginata, che potesse accadere proprio a lui, il più Grande o uno dei più Grandi, di ritrovarsi nel caos più assordante, travolgente. Lui e Davide, stanno lì, lui e Mino, il marito di sua figlia Katia, stanno lì, dialogano con Giuntoli, analizzano, osservano fantasmi che si sono posati intorno a Castel Volturno e che Ancelotti ha già strapazzato con ironia: «Non sarà l'ultima cena».

Ancelotti, uomo solo con le sue scelte

Castel Volturno è ad una serie di boccate di sigarette, dipende dallo stress e dal nervosismo, e Ancelotti, come ogni allenatore, è un uomo solo, con le sue scelte, con le proprie decisioni, con le sue riflessioni: il Napoli ha deciso per il ritiro e un tecnico non può sottrarsi, obbedisce oppure saluta e le rese non gli appartengono, non ora che quel pareggio con il Salisburgo pareva avesse il valore di un’opzione per gli ottavi di finale, non in questa scommessa personale, quella di rimettersi in gioco in Italia, dalla quale uscirebbe ammaccato nel morale, nelle certezze che ancora resistono sulla possibilità di costruire qualcosa, fosse anche un ciclo da concludere quando verrà il momento che ancora non scorge. Non è ora il giorno, nè un martedì di Champions e men che meno un mercoledì, perché dimettersi non rientra nel costume di un uomo che le «imprese» preferisce affrontarle e non sfuggire, anche quando diventano complesse, persino rischiose. E comunque, nonostante tutto, non avverte neanche il pericolo dell’esonero, non ha avuto modo di «annusare» l’aria nel primo, lunghissimo, notturno confronto telefonico con De Laurentiis; né gli viene il sospetto, al risveglio, quando il presidente è di nuovo al cellulare, che possa germogliare una decisione così traumatica. [...]

De Laurentiis scarica tutto su Ancelotti

Ora tocca a lui, è scritto nel comunicatola responsabilità decisionale in ordine alla effettuazione di giornate di ritiro è affidata all’allenatore Carlo Ancelotti»): ruoterà intorno a lui il Napoli, che venerdì sera tornerà in albergo a Castel Volturno e ci resterà per prepararsi al Genoa. Ma questo è un dettaglio che in cinquant'anni di calcio non gli è sfuggito: sta cominciando un’altra sfida, dovrà restituire al Napoli non solo uno splendore che si è andato smarrendo ma anche principi (si direbbero etici) che sono stati cancellati, senza riuscire a fronteggiarli. E servirà Ancelotti Carlo, il leader (calmo).

Conte e Ancelotti, le società spalle al muro

Leggi l'articolo integrale sull'edizione del Corriere dello Sport-Stadio oggi in edicola

Tutte le notizie di Napoli

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

SERIE A - 12° GIORNATA
VENERDÌ 08 NOVEMBRE 2019
Sassuolo - Bologna 3 - 1
SABATO 09 NOVEMBRE 2019
Brescia - Torino 0 - 4
Inter - Verona 2 - 1
Napoli - Genoa 0 - 0
DOMENICA 10 NOVEMBRE 2019
Cagliari - Fiorentina 5 - 2
Lazio - Lecce 4 - 2
Sampdoria - Atalanta 0 - 0
Udinese - Spal 0 - 0
Parma - Roma 2 - 0
Juve - Milan 1 - 0

Calciomercato in Diretta