Gattuso cambia: vuole un Napoli da battaglia per il tour de force

L’allenatore ha chiesto alla squadra un riscatto immediato dopo la sconfitta con lo Spezia: domani c’è l’Udinese, poi in casa l’ Empoli (Coppa Italia) e la Fiorentina e infine la Supercoppa con la Juve
Gattuso cambia: vuole un Napoli da battaglia per il tour de force© LAPRESSE
3 min
TagsGattusonapoli

Le dieci giornate del Napoli sono una battaglia sportiva in quattro mosse che comincerà domani a Udine, 10 gennaio, e finirà mercoledì 20 gennaio a Reggio Emilia in occasione della finale di Supercoppa con la Juve. Tre più uno, insomma: Udinese in campionato, Empoli in Coppa Italia, Fiorentina in campionato e poi il gran galà di chiusura con la rivale infinita. Per la quarta volta nella storia del trofeo: ma questa è un’altra storia. Anzi, è il finale di una storia che gli azzurri dovranno cominciare a scrivere con la penna della vittoria e un inchiostro pieno di veleno. I cui sinonimi sono carattere e attributi: cose che Rino ha chiesto urlando (di tutto) ai suoi già domenica sera, subito dopo la tremenda batosta con lo Spezia. Una sconfitta che ha letteralmente spezzato le gambe a un Napoli che ora dovrà rimettersi a correre, neanche a camminare, senza perdere altro tempo: la qualificazione alla prossima Champions è l’obiettivo dichiarato ma è soprattutto un obbligo, nell’ottica della programmazione futura di un club che alle spalle non ha petrodollari o il vento dell’Est. Tutto chiaro, insomma. Proprio come le scelte di Gattuso all’orizzonte: Petagna tornerà al centro dell’attacco, Rrahmani potrebbe giocare la prima da titolare e Koulibaly dovrebbe rivedersi tra i convocati. Mertens, invece, rimanderà il suo appuntamento con il campo: con Osimhen che a questo punto è fortemente a rischio per la Supercoppa, tra Covid e infortunio, la priorità è presentare Dries in forma al Mapei.  

Il Napoli al lavoro verso la sfida contro l'Udinese
Guarda il video
Il Napoli al lavoro verso la sfida contro l'Udinese

La richiesta di Gattuso al Napoli

E allora, andiamo a battagliare: è quello che Gattuso ha detto e ripetuto ai suoi in occasione degli allenamenti di ieri e giovedì, ed è anche l’unica possibilità che il Napoli ha per provare a cancellare un periodo che dal 16 dicembre a oggi, e dunque dalla notte di San Siro in poi, racconta di tre sconfitte (Inter, Lazio, Spezia); un pareggio all’ultima, pericolosissima curva (Torino); e una sola vittoria (Cagliari). Quattro punti sui 15 disponibili: bottino estremamente scarno, non c’è che dire, ma domani con l’Udinese è ovvio che Rino si aspetti una reazione. Per l’ennesima volta dopo l’ennesima scossa. Facciamo anche dopo l’elettroshock di domenica: ha urlato, Gattuso, provando ad alimentare un fuoco che dovrà animare i suoi sia domani, sia mercoledì negli ottavi di Coppa Italia con l’Empoli e domenica prossima con la Fiorentina. Una trasferta in Friuli e due ravvicinate in serie al Maradona. Sì. Ma nessuno disdegnerebbe la benedizione della Mano de Dios sin da Udine: la vittoria è l’unica via d’uscita dal tunnel. Perché è di tunnel, che si tratta.  

Napoli, che beffa! Petagna gol, ma lo Spezia rimonta con Nzola e Pobega
Guarda la gallery
Napoli, che beffa! Petagna gol, ma lo Spezia rimonta con Nzola e Pobega


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti