Osimhen, che paura: trauma cranico! Notte in ospedale a Bergamo

L'attaccante ha perso i sensi durante Atalanta-Napoli ed è stato trasportato in ospedale, dove resta in osservazione
Osimhen, che paura: trauma cranico! Notte in ospedale a Bergamo© ANSA
Tagscalcioosimhennapoli

BERGAMO - Paura nel finale della partita Atalanta-Napoli, vinta 4-2 dalla Dea: allo scadere del match infatti l'attaccante azzurro Osimhen ha perso i sensi dopo aver battuto la testa nella caduta seguita a un contrasto con Romero. Attimi di panico e mani tra i capelli per i compagni, con il nigeriano che dopo i primi soccorsi (è intervenuto il professor Canonico con il personale della Croce Rossa) ha poi ripreso i sensi nell'ambulanza che lo ha trasportato all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove è stato sottoposto ad accertamenti e gli è stato riscontrato un trauma cranico e dove passerà la notte in osservazione.

Napoli, Osimhen perde i sensi ed esce dal campo in barella
Guarda la gallery
Napoli, Osimhen perde i sensi ed esce dal campo in barella

Il comunicato del Napoli

In serata è arrivato il comunicato del Napoli: "Victor Osimhen, in seguito all'infortunio con trauma cranico subìto nei minuti finali di Atalanta-Napoli, si è sottoposto a esami con esito negativo - si legge nella nota del club azzurro -. Il calciatore resterà a Bergamo fino a domani sotto l'osservazione clinica del Responsabile Sanitario azzurro Raffaele Canonico".

Stagione maledetta

Una stagione difficile per l'ex Lille, che ha già dovuto saltare diverse partite a causa del Covid e poi di un infortunio, mentre due giorni fa aveva dovuto smentire il fratello che aveva criticato il tecnico Gattuso per non essere riuscito finora a farlo rendere al meglio.

Napoli, non basta la perla di Zielinski. Show dell'ex Zapata, paura per Osimhen
Guarda la gallery
Napoli, non basta la perla di Zielinski. Show dell'ex Zapata, paura per Osimhen

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti