Satin: "Osimhen pagato troppo, non è un nove puro"

L'agente: "C'è confusione sul profilo tecnico del giocatore"
Satin: "Osimhen pagato troppo, non è un nove puro"© FOTO MOSCA

NAPOLI - A Radio Marte, è intervenuto Bruno Satin, agente, e ha commentato il cammino del cliub parigino in Champions League spiegando che non è ancora deciso nulla: "Il PSG ha passato il turno ma ora ci sono semifinali e poi, forse, la fine: è difficile ma vedremo". Si è soffermato, poi, su 2 allenatori: "Galtier è un ottimo allenatore: sta lottando per vincere il campionato e forse alla fine lo vince; ha potenziale per una panchina importante in Italia. Rudi Garcia, per me, potrebbe tornare in Italia e non sembra che il suo legame con il Lione possa durare. Non ho parlato con lui di questi tempi e non so se vuole il Napoli ma alla Roma fece un buon lavoro e non era facile: in Italia ha delle possibilità".".

Fabian Ruiz-Osimhen, il Napoli riscatta il ko con la Juve: 2-0 alla Sampdoria
Guarda la gallery
Fabian Ruiz-Osimhen, il Napoli riscatta il ko con la Juve: 2-0 alla Sampdoria

Moueffek e Osimhen

L'agente ha parlato anche di 2 giocatori in particolare: "Moueffek è un giovane che sicuramente ha certe qualità ma ha fatto ancora poche partite entrando e subentrando, a volte sta in gruppo e a volte no; si parla di una promessa ma il Napoli non è una soluzione perché il Saint-Etienne quest'anno fa fatica ma lui non fa il titolare: non potrebbe andare in una squadra così forte. Il mercato è una situazione economica molto complicata: ci sarà da capire quali sono i mezzi economici del Napoli e pure se si arriverà in Champions o no ma al momento non sembra; c'è poi da capire il discorso tecnico e chi sarà in panchina perchè un ragazzo che deve andare all'estero vuole sapere con quale allenatore avrà da lavorare. Osimhen, quando l'anno scorso lo prese il Napoli, dissi che era un giocatore molto forte e interessante, ancora giovane: in Belgio e in Francia ha fatto bene ma parliamo di altre realtà, visto che c'è un po' di confusione sul profilo tecnico di un numero 9 di una grande squadra come il Napoli. Lui va in profondità, non è un numero 9 puro: poi dipende tutto a livello tattico da come vuoi giocare e se fai possesso palla per lui ovviamente è più difficile perché tecnicamente non è il più bravo. E' chiaro anche che è stato pagato troppo".

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti