Napoli, da Insigne a Mertens: i rientri dei big alla corte di Spalletti 

Dopo la breve sosta post-Dimaro, oggi riapre Castel Volturno ma l'allenatore avrà il “pienone” soltanto a Castel di Sangro
Napoli, da Insigne a Mertens: i rientri dei big alla corte di Spalletti © LAPRESSE
Antonio Giordano
Tagsnapoli

Cercando, un rinforzo si trova: e non sarebbe neanche tanto male. Però bisognerà aspettare, una settimana, un mese, anche due o tre, e intanto inventarsi una vita nuova. Castel Volturno riaprirà nel pomeriggio, non è ancora ricominciata e già bisogna starsene un po’ con un calendario in mano, perché adesso va così e non ci sono scorciatoie: decide il medico, anzi il destino, che un po’ si è accanito sul Napoli.

Bentornati

Sta per rientrare Fabian Ruiz, che si incrocerà con Ospina: arriveranno venerdì e sabato, ovviamente, procederanno con le visite mediche e i tamponi. Poi partiranno con il loro ritmo, per presentarsi a Castel di Sangro rodati per quel che si può: niente trasferta a Monaco di Baviera, presumibilmente sedute in sede anche mentre i compagni, il giorno 4, giocheranno a Cracovia; poi di corsa in Abruzzo, perché non ci sarà per nessuno altro tempo da perdere.

I campioni

Viaggeranno tutti assieme, uno spagnolo, un colombiano e tre italiani diventati, intanto, campioni d’Europa: le vacanze stanno per finire, se le sono godute anche Di Lorenzo, Insigne e Meret, e l’appuntamento per il 2 agosto è già fissato, prima di mettersi in marcia verso Spalletti e una squadra che li aspetta, per festeggiarli.

Ammaccato

Ma intanto quell’11 luglio sembra (quasi) lontano e pure le paure che riempirono quella notte, mentre Lozano finiva in ospedale, sembrano evaporate. La paura, il tormento, i sospetti, il terrore dipinto negli occhi di chiunque avesse visto le immagini dell’impatto del chucky con il portiere di Trinidad e Tobago appartengono ad un passato distante: Lozano è atteso per il cinque, avrà chiaramente bisogno di ulteriori accertamenti che si aggiungeranno a quelli a cui si è sottoposto in Messico, poi potrà riprendere con la cautela che richiede un incidente così serio ma con la fiducia che le sue condizioni già sprigiona.

La sorpresa

A Castel di Sangro ci sarà, quasi sicuramente, anche Faouzi Ghoulam, si è operato per la quarta volta l’8 marzo per la ricostruzione (stavolta) del crociato anteriore del ginocchio sinistro: sono trascorsi già 141 giorni dall'ennesimo intervento di una carriera disagiata, ma dal momento in cui si rimetterà a corricchiare, ne avrà bisogno di un’altra trentina prima di potersi lanciare liberamente in valutazioni tecniche ed atletiche. E dopo una serie di accidenti, non è forse il caso di accelerare, né di avere fretta.

Un tiro a Ciro

E Mertens, che pure è dovuto passare, come altri, dalla sala operatoria (il 5 luglio, alla spalla sinistra) sa bene quale percorso lo aspetterà: più o meno, finirà per ritrovarsi con Diego Demme verso fine settembre o inizio ottobre a bordo campo, per spingere Spalletti a tenerlo d’occhio. Quando il mercato sarà abbondantemente chiuso, e a quel punto nessuno ne parlerà più, si apriranno le porte dell’infermeria del Napoli: rinforzi (ri)fatti in casa.

Napoli, De Laurentiis blind Fabian Ruiz
Guarda il video
Napoli, De Laurentiis blind Fabian Ruiz

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti