Meret, parla l'ortopedico: "In campo col Napoli tra 45 giorni"

Il prof. Falco: "Si tratta di una frattura che non lascia postumi e non c’è da spaventarsi"
Meret, parla l'ortopedico: "In campo col Napoli tra 45 giorni"© LAPRESSE

NAPOLI - "Meret? Si tratta di una frattura che non lascia postumi e non c’è da spaventarsi, c’è una restitutio in integrum completa che non lascia strascichi, una frattura da strappo. Le apofisi trasverse sono delle virgole che si trovano posteriormente alle vertebre, non possono creare danni e si fratturano solo per trazione muscolare". Parola del professor Domenico Falco, responsabile di Ortopedia e Traumatologia della Clinica Pineta Grande, ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli sull'infortunio del portiere friulano che sta tenendo in apprensione l'ambiente azzurro. "Probabilmente nella caduta in Genoa-Napoli dove si è piegato in maniera innaturale ed ha riportate queste due piccole fratturine. In campo e successivamente non ha avvertito nulla al momento ma solo successivamente, questo accade perché c’è la fase di stupor, ovvero nelle ore successive al trauma non si sente assolutamente dolore".

Napoli, Zambo Anguissa è una star dei social
Guarda la gallery
Napoli, Zambo Anguissa è una star dei social

"Meret in campo tra circa 40-45 giorni"

E ancora: "Meret a fine partita non è andato dallo staff medico proprio per questo motivo, il giorno dopo è andato in Nazionale avvertendo dei dolorini e giustamente gli hanno fatto le indagini strumentali che richiede il caso. Le fratture guariranno in quattro settimane, poi ci saranno un paio di settimane di recupero muscolare e per rivederlo in porta ci vorranno 40-45 giorni. Questo tipo di fratture non si operano mai. In alcuni casi si mettono dei bustini, ma servono solo ad evitare dolori ma non occorrono per far guarire meglio perché la frattura guarisce naturalmente, anche senza bustino”.

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti