Napoli e scudetto: con Insigne sognare si può

Il capitano è tornato a segnare su azione firmando una versione speciale di tiraggiro: con lui in forma gli azzurri corrono per il titolo
Napoli e scudetto: con Insigne sognare si può© ANSA
3 min
TagsInsigne

NAPOLI - La differenza tra le sliding doors e la porta dell'Olimpico? Nessuna: Insigne l'ha azzerata con una versione meno classica del suo tiraggiro da enciclopedia - rasoterra però con effetto - cogliendo al volo l'opportunità servitagli da Elmas e dal destino. Ce ne ha messo per ritrovare il gol su azione in campionato, quasi dieci mesi, però l'impressione è che il colpo gli sia riuscito nel momento migliore possibile. Sì, tempismo perfetto per rilanciare le ambizioni-scudetto della squadra a quattro mesi dal trasferimento a Toronto e soprattutto a un clic dalla fine della storia più grande della sua vita. Si lasceranno, il Napoli e Lorenzo, questo è già scritto e sottoscritto, però a cavallo tra la vittoria con la Lazio e la sfida con il Milan c'è un'altra storia dal finale sconosciuto che all'improvviso è diventata avvincente e appassionante: lo scudetto. Un sogno. Il sogno atteso da un popolo intero da ormai trentadue anni che il capitano e i suoi compagni proveranno a trasformare in delirio nelle prossime undici giornate. Passo dopo passo. Occhi aperti e testa libera proprio come a Roma. A tre giorni dai fischi collezionati al Maradona dopo la sconfitta con il Barça e una prestazione un po' così: la risposta di Lorenzino? Un gol, l'assist a Fabian e una prestazione da applausi. Il famoso tempismo di cui sopra: meglio tardi che mai. Meglio ora. Porte fisse e porte scorrevoli: e in mezzo lo scudetto.

Spalletti: "Scudetto? Una corsa a perdifiato"
Guarda il video
Spalletti: "Scudetto? Una corsa a perdifiato"

Insigne, scudetto e poi Toronto

E allora, il capitano: quello che incide. Quello che decide: Insigne, in un solo concetto. Il vero Insigne che per lunghi tratti della stagione è mancato soprattutto per una serie di problematiche fisiche - e un po' forse anche per l'inevitabile contraccolpo dell'addio annunciato - ma che domenica all'Olimpico è venuto fuori prepotente. Classe e anima. Delizie e carattere: l'impegno, sia chiaro, non è mai mancato e neanche mai stato in discussione, ma i fischi piovuti con il Barcellona probabilmente hanno sottolineato le aspettative della gente nei suoi confronti. Già: Lorenzo è uno in grado di fare la differenza e senza i suoi colpi, i gol e i lampi sarà decisamente più complesso lottare fino alla fine per quello che ora, oggi più che mai e in attesa di domenica, è diventato un obiettivo concreto: lo scudetto.

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio

Napoli, grande festa in campo dopo la vittoria contro la Lazio
Guarda la gallery
Napoli, grande festa in campo dopo la vittoria contro la Lazio


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti