Napoli, Osimhen al ritorno con l'Ajax. Politano forse con la Cremonese

Il dottor Canonico: “Vic ha subito l’infortunio del velocista. Lui corre anche a 35 km orari. Serve tempo”
Napoli, Osimhen al ritorno con l'Ajax. Politano forse con la Cremonese
4 min
Fabio Mandarini
Tagsnapoliosimhenpolitano

NAPOLI - Due giorni di pausa: appuntamento a lunedì. Il Napoli ha concluso ieri una settimana di lavoro piuttosto singolare, considerando la sosta e l'assenza di tanti uomini: in quattordici sono impegnati con le rispettive Nazionali e due, invece, sono fermi per infortunio. Due protagonisti del brillante avvio di stagione: Osimhen, fermo dal Liverpool per una lesione di secondo grado al bicipite femorale della coscia destra; e Politano, costretto a rinunciare all'Italia per un problema alla caviglia destra rimediato con il Milan a San Siro. Con il Torino, alla ripresa, mancheranno entrambi, e poi salteranno di certo anche la prima con l'Ajax. Il rientro? Beh, per definire con maggiore precisione i tempi di recupero bisogna attendere la prossima settimana, ma Osi e Matteo stanno provando a darsi appuntamento tra la Cremonese e l'Ajax-bis: "L'infortunio di Politano richiede in media tre settimane di stop, mentre quello di Osimhen cinque settimane e il giorno dopo la prima di Champions con gli olandesi saranno trascorsi ventotto giorni", conferma il dottor Raffaele Canonico. E il conto alla rovescia, con pazienza, può anche cominciare.

Napoli, ecco l'esito degli esami di Politano
Guarda il video
Napoli, ecco l'esito degli esami di Politano

Canonico, il responsabile dell’area sanitaria del Napoli

E allora, parola al doc. Il responsabile dell'area sanitaria di un Napoli che, giovedì, ha recuperato Demme dopo la frattura al piede sinistro. Al di là della panchina a Verona, Diego il tedesco non ha ancora esordito: "Sta bene e la sua condizione fisica è ottimale: si allena ormai da dieci-quindici giorni ed è tornato in gruppo. Deve soltanto ritrovare le dinamiche dei contrasti e del lavoro di squadra, ma è questione di continuità di allenamenti", spiega il dottor Canonico ai microfoni di Kiss Kiss Napoli. Una buona notizia, insomma, prima del quadro relativo a due uomini fondamentali per il futuro azzurro: Osimhen e Politano.

Kvaratskhelia, che giocate in Georgia-Macedonia: segna e propizia un autogol
Guarda la gallery
Kvaratskhelia, che giocate in Georgia-Macedonia: segna e propizia un autogol

Osimhen e Politano, la situazione

Con ordine. E via con Osi: "Sono trascorsi 17 giorni dall'infortunio". Era il 7 settembre, intorno al 40' del primo tempo della partita di Champions con il Liverpool. "Victor ha subito il classico infortunio del velocista, considerando che tra le sue doti ci sono l'allungo e l'accelerazione sui trenta e quaranta metri. Parliamo di un atleta che raggiunge i 35 chilometri orari in velocità e ciò significa che bisogna riallenarlo per sopportare certi stress biomeccanici. Il problema è in una zona delicata". In termini di tempo? "La settimana prima della Cremonese diventa cruciale per capire: se la lesione sarà cicatrizzata completamente e i progressi organici e di forza tangibili, la Cremonese potrebbe essere un obiettivo plausibile". Oppure il bis con l'Ajax: "Aspettiamo dopo il Torino". Anche Politano dovrebbe rivedersi in quei giorni: "Il colpo alla caviglia destra gli ha procurato molto dolore e gli esami hanno evidenziato l'interessamento di un legamento". Il peroneo astragalico anteriore. "Si tratta di una distorsione di primo grado e in media i tempi di guarigione sono quantificati in tre settimane". Dal 18 settembre (a San Siro) al 9 ottobre, proprio la data della sfida con la Cremonese. "La prossima settimana, dopo ulteriori terapie, valuteremo le risposte e i miglioramenti: la corsa in linea non è uguale ai movimenti e alle sterzate in campo".

Osimhen, parla il medico del Napoli. FA, Ronaldo sotto inchiesta
Guarda il video
Osimhen, parla il medico del Napoli. FA, Ronaldo sotto inchiesta


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Commenti