Napoli, operazione rinnovi: in pole Di Lorenzo, Rrahmani e Lobotka

ll club prepara il calendario degli incontri per prolungare i contratti dei giocatori considerati  da Spalletti dei punti fermi. Dopo Anguissa si lavora per dare continuità al progetto azzurro
Napoli, operazione rinnovi: in pole Di Lorenzo, Rrahmani e Lobotka
4 min
Antonio Giordano
TagsnapolirinnoviSpalletti

NAPOLI - Tempo ce n’è, però meglio non perderne troppo: i giorni volano, gli anni sfilano via e non c’è voglia di starsene con le mani in mano, standosene dentro quel limbo misterioso. Frank Anguissa se ne è andato al Mondiale con il suo contratto nuovo di zecca persino nella formula: scadenza 2025, opzione per il Napoli per un rinnovo biennale sino al 2027, e un sorriso che ha accompagnato la firma. Ma quello è stato l’inizio di quest’era moderna che funge da spartiacque tra il passato e il futuro, la distanza netta tra ciò ch’è stato e quel che sarà: una volta, e neanche chissà quanti mesi fa, per Insigne, Mertens e Ospina (e prima per Hysaj e Maksimovic), le scadenze servirono per chiudere un cerchio, e anche un’epoca, e rinfrescare l’età media di una squadra improvvisamente invecchiata su se stessa. E ora che invece è nato un ciclo, Anguissa (25 appena compiuti) rappresenta uno dei pilastri sui quali adagiarsi. 

Serie A, le squadre con i giocatori che valgono di più: la classifica completa
Guarda la gallery
Serie A, le squadre con i giocatori che valgono di più: la classifica completa

Arrivano i vostri

Ma il Napoli ha un calendario da sfogliare e, senza mettersi fretta addosso, ha già provveduto a segnare un paio di date: Giovanni Di Lorenzo, capitano non certo per caso, è alla sua quarta stagione, ha messo assieme un bel po’ di partite (158), s’è guadagnato la fascia per meriti tecnici e rigorosa serietà, è un leader silenzioso che potrebbe svincolarsi a parametro zero nell’estate del 2024. Ma le intenzioni di Di Lorenzo e quelle del Napoli sono diverse e il manager del difensore - Mario Giuffredi - s’è sbilanciato pubblicamente: «Non ha dubbi: vuole restare qui fino alla fine della carriera». Detto e fatto, le consultazioni non hanno avuto bisogno di troppi appuntamenti e De Laurentiis, che domenica è rientrato da Los Angeles, ha preparato le «bozze»: l’accordo si può definire virtuale, ha bisogno di piccoli aggiustamenti, e Di Lorenzo sta per legarsi al Napoli sino al 2026, due milioni e seicentomila euro a stagione, quando compirà trentatré anni. La legittima difesa è una certezza e Amir Rrahmani va premiato per quell’ostinazione che gli è servita per uscire dall’incidente di Udine, da quella prima stagione in chiaro scuro: la diffidenza iniziale è spartita, il centrale ha saputo imporsi, e al terzo anno in maglia azzurra è stato allertato per decidere cosa fare di se stesso. Avendo le idee chiare, Rrahmani ha spazzato via qualsiasi ombra ed è prontissimo a stringere la mano a De Laurentiis, annunciato anche lui in ritiro - ad Antalya, in Turchia - che finirà per essere anche il quartiere generale in cui sarà possibile sistemare questioni burocratiche. 

Napoli, tre mesi da urlo: tutti i protagonisti
Guarda la gallery
Napoli, tre mesi da urlo: tutti i protagonisti

Ciak

Chi l’avrebbe detto, appena quindici mesi fa, che Stanislav Lobotka sarebbe diventato elemento essenziale, praticamente irrinunciabile (così dicono le statistiche) del Napoli che verrà? I manager dello slovacco sono stati al San Paolo, prima della sosta, per gustarsi le prestazioni del proprio assistito in Napoli-Empoli, ma in quel week end si è ovviamente chiacchierato di altro: di un contratto che dovrà esaurirsi nel 2027, quando il regista avrà 33 anni. Per lui, un premio alla firma e circa tre milioni di euro, tanto per restare dentro i parametri che la nuova politica economica-finanziaria del Napoli si impone. Sarà come dirsi di sì per sempre, nella buona e nella cattiva sorte (già vissuta nel suo primo biennio). 

Napoli, perché oggi Kvaratskhelia e Osimhen valgono 200 milioni
Guarda il video
Napoli, perché oggi Kvaratskhelia e Osimhen valgono 200 milioni


Commenti