Corriere dello Sport

Palermo

Vedi Tutte
Palermo

Palermo, mistero closing: tifosi in ansia

Palermo, mistero closing: tifosi in ansia
© Getty Images

La città chiede a Baccaglini la totale autonomia da Zamparini: stop ai "consigli"

 

lunedì 8 maggio 2017 12:11

PALERMO - Si chiude un'epoca, anzi si deve chiudere un'epoca. Perché Palermo è pronta ad accettare la retrocessione in B, e a ricominciare con passione solo a patto che il ciclo di Zamparini sia definitivamente ed irrimediabilmente finito. In nessuna maniera sarebbe possibile riannodare i fili di un rapporto spezzato, quasi esclusivamente per colpa dell'uomo che prima ha condotto Palermo a risultati impensabili e difficilmente eguagliabili, e poi ha cancellato i suoi meriti con stagioni finali prive di logica e di rispetto per la tifoseria. La presenza di Zamparini nel futuro del club ad oggi resta il grande interrogativo.

L'ora del closing - Il closing che ufficializzerà il passaggio di proprietà resta nell'aria. Lo slittamento di una settimana dalla data annunciata del 30 aprile è stato considerato fisiologico e le trattative fra gli avvocati delle due parti proseguono a Londra. Adesso solo la chiarezza societaria permetterà di programmare nei tempi idonei una ricostruzione che si prevede complicata e profonda. Ma il problema è che il Palermo è solo un ingranaggio dell'operazione finanziaria mirata a ristrutturare tutto il patrimonio di un imprenditore improvvisamente scopertosi in crisi come Zamparini. Il giovane Paul Baccaglini sta già muovendo i suoi passi, ma lui sarà solo il rappresentante di investitori che resteranno alle spalle e anche nel momento in cui risulterà proprietario al 100% della società rosa (come da accordi già firmati che attendono solo la verifica delle garanzie bancarie) gli verrà difficile liberarsi da un rapporto col "venditore".

L'ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DELLO SPORT-STADIO

Articoli correlati

Commenti