Corriere dello Sport

Roma

Vedi Tutte
Roma

Garcia: «Pareggio normale. Aspetto un terzino»

Garcia: «Pareggio normale. Aspetto un terzino»
© LaPresse/Spada

Il tecnico della Roma: «Siamo sulla strada giusta. Dzeko? Ottimo primo tempo»

Sullo stesso argomento

 

sabato 22 agosto 2015 20:42

ROMA - "Diciamo che è un pareggio normale. L'atteggiamento collettivo c'è ma non è bastato per i tre punti, ma siamo sulla strada giusta": così ai microfoni di Sky Sport l'allenatore della Roma, Rudi Garcia, commenta il pari in casa del Verona. "Dzeko? Ha fatto un ottimo primo tempo, ha avuto anche un'occasione con un colpo di testa verso la fine della partita. La cosa che ci è mancata forse nel primo tempo, è stato un palleggio ad un ritmo più alto - sottolinea il tecnico - non abbiamo avuto abbastanza velocità nel possesso palla e, soprattutto, siamo mancati in larghezza, cosa che abbiamo corretto con l'entrata di Falque, che ci ha aiutato sulla fascia sinistra, allargando un pò la difesa del Verona". Garcia ha sottolineato che il Verona "è una squadra tosta da affrontare in casa e sarà così anche per gli altri. Diciamo che è un pareggio normale. Viste le occasioni. L'atteggiamento collettivo c'è e abbiamo fatto una partita seria, non è bastato per prendere i tre punti, ma siamo sulla strada giusta".

IL TERZINO - Ai microfoni di Mediaset Premium ha detto: «Abbiamo fatto una partita seria, ci aspettavamo un Verona ben organizzato, che ha difeso molto bene e giocato con pericolosità. Abbiamo avuto l’atteggiamento giusto e alla fine abbiamo avuto delle occasioni per vincere: ci sono tante cose positive ma ancora da lavorare, ovviamente. Ho cambiato gli esterni perché nel nostro gioco corrono tanto, sono contento di chi è subentrato. Dobbiamo lavorare su alcuni punti e sul mercato aspettiamo un terzino sinistro. Era difficile vincere qui, sarà difficile per tutte le squadre. Un punto in trasferta non è una catastrofe, ora concentriamoci sulla prossima sfida, in casa. Digne? Stiamo valutando tre o quattro possibilità, anche perché non c’è solo la volontà delle società in queste trattative, ma anche altri parametri. Abbiamo grandi qualità individuali e anche collettive. Esclusione Romagnoli dal progetto? Parlo solo dei miei giocatori, parlare degli altri ora non serve a niente. La Champions? Ora l’attualità è la prossima partita in casa, che dobbiamo vincere». 

FLORENZI - "Con un pò più di cattiveria, con un pò più di cinismo, potevamo portare la partita in porto, ma abbiamo dato tutto. La squadra è uscita a fatica, nel senso che ha dato tutto in campo. Conta il risultato, ma conta anche quello che hai dato. Continuando così, possiamo dire la nostra sul campionato": così ai microfoni di Sky Alessandro Florenzi commenta il pareggio della Roma in casa del Verona nella prima di campionato. "La brillantezza verrà piano, piano - ha aggiunto - Abbiamo fatto un grande carico questa estate e piano, piano, con la tecnica che abbiamo davanti e in mezzo, riusciremo a scardinare queste difese. Loro hanno cercato di contrastare la squadra che era più forte e ci sono riusciti. Adesso mettiamoci sotto perché domenica abbiamo una partita importante. Dzeko? È un grande top player - conclude Florenzi - come lo è Totti. Cambia il gioco dei due, ma sono due grandissimi campioni, ci adattiamo ogni volta, magari, ad un gioco diverso o che può mettere in difficoltà la squadra avversaria". 

Per Approfondire

Commenti