Corriere dello Sport

Roma

Vedi Tutte
Roma

Roma: silenzio e fischi. Si è spaccata anche la Curva Sud

Roma: silenzio e fischi. Si è spaccata anche la Curva Sud
© Bartoletti

Incredibile “sciopero” del nucleo più caldo ma il resto della curva si ribella e fa il tifo

Sullo stesso argomento

 Roberto Maida

lunedì 1 maggio 2017 11:34

ROMA - Mai visto. La Curva Sud che fischia la Curva Sud. Amici contro, in un’alternanza tra cori “politici” e fischi di disapprovazione tra tifosi della stessa squadra. La Roma affonda? Pazienza: gli ultrà avevano un altro conto da saldare, ritenuto più importante rispetto al quarto derby stagionale.

LE MISURE - Nessuno poteva immaginare uno scenario simile, innescato da un comunicato diramato sabato sera dai gruppi organizzati della Sud. Per intendersi, sono gli stessi che hanno scioperato a oltranza tenendosi a debita distanza dallo stadio Olimpico fino alla rimozione delle barriere divisorie. In occasione della partita contro la Lazio non tiferemo, spiegavano, per protestare contro le misure cautelari decise a carico di 13 tifosi, ritenuti colpevoli dal tribunale di Roma di un’aggressione avvenuta in zona Termini ai danni di un gruppo di turisti svedesi in occasione del derby del 3 aprile 2016. Il pretesto, secondo gli investigatori, era stato la maglietta della Lazio indossata da uno degli avventori di un pub di Via Palestro. Gli arrestati, molti dei quali pregiudicati e sotto regime di Daspo, sarebbero tutti parte del Gruppo Roma, cioè il nucleo centrale della Curva Sud, e dopo l’ultimo provvedimento, oltre a non seguire più le partite della Roma, non potranno neppure lasciare il comune di appartenenza senza l’autorizzazione del magistrato.

Leggi l'articolo completo sull'edizione digitale del Corriere dello Sport-Stadio

TUTTO SU ROMA-LAZIO

 

Articoli correlati

Commenti