Roma, Pastore: "Vorrei restare ma il club ha gravi perdite e dovrà vendere"

Il trequartista argentinoo parla del suo futuro: "Tornerei in Argentina un giorno"
© LAPRESSE

ROMA - "Voglio restare alla Roma ma il futuro è un punto interrogativo". Javier Pastore in una diretta Instagram con Telefenoticias racconta la sua esperienza alla Roma, ma anche quello che potrà essere il suo futuro. El Flaco vorrebbe rimanere in giallorosso, il club invece vorrebbe lasciarlo andare per togliersi dal bilancio il suo pesante ingaggio. 

Andrà via dalla Roma? Si parla molto di una sua possibile partenza?
"Io voglio rimanere. Adesso io penso a terminare questo campionato e poter raggiungere gli obiettivi del club. Questa è la cosa più importante perché il club con questa situazione ha sofferto molto, ma come molti altri club. Questa società è un’impresa e ha bisogno di soldi perché sta in perdita. Il club non sta passando un buon periodo, ha perdite molto importanti. Quindi tutti noi non sappiamo cosa succederà. Quando terminerà la stagione il club dovrà tornare in positivo e per far ciò dovrà vendere giocatori o comprare giocatori più giovani che guadagnano di meno. Stiamo aspettando. Io ho due anni di contratto, mi piacerebbe veramente terminarlo. Mi sento molto bene, mi piace tantissimo la città, il paese mi incanta. Io e la mia famiglia siamo molto felici. Io anche nel club sto bene, per fortuna il tecnico crede molto in me, ho sempre giocato lui. Io vorrei rimanere, escono molte notizie e non so il perché. Sono sempre vicino al trasferimento in Cina, in Giappone, in Argentina o in Inghilterra, ogni giorno ho un nuovo club. Però la verità è che io non ho parlato con nessuno, nemmeno con il mio club che non mi ha dato nessuna informazione su una qualche offerta per partire".

Roma, tre anni fa l'ultima gara di Totti. I tifosi: "Piangiamo ogni anno. Ci manchi"

In Argentina parlano molto di un suo ritorno al Talleres o Huracan…
"Questo lo potrà dire solo il tempo. Potrei tornare in Argentina solo se posso. Spero che in questi due anni di contratto che ho qui li possa passare bene fisicamente senza infortuni per poter rimanere ad un buon livello. Se torno in Argentina voglio stare bene e non soffrire il campionato. Mi piacerebbe tornare, ma la cosa importante è che io stia bene e possa giocare. Altrimenti non lo so, è molto difficile questa decisione. Mi piacerebbe tornare al Talleres o all’Huracan perché sono due club che mi hanno formato e mi hanno dato la possibilità di essere qui dove sono. Questa è una cosa che ho sempre nella testa. Però io spero di poter stare bene fisicamente in questi prossimi anni, spero di non avere nessun infortunio importante che mi possa accorciare la carriera. Se è possibile tornerei, mi piacerebbe ritirarmi in Argentina con la mia gente, con i miei familiari e con i miei amici che mi possono vedere giocare sul campo. Mi piacerebbe perché l’avventura al Talleres fu molto corta con poche partite e lo stesso fu all’Huracan con soli 6 mesi, che però furono divini".

I dubbi di Karsdorp: "La Roma non si è più fatta sentire, forse non mi vuole più"

Roma, Dzeko tira la volata. Fonseca guida i suoi in mascherina
Guarda la gallery
Roma, Dzeko tira la volata. Fonseca guida i suoi in mascherina

Commenti