Di Bartolomei, 26 anni fa l'addio. I tifosi: "Ci manchi, il dolore non passa"

Il 30 maggio del 1994 lo storico capitano della Roma si toglieva la vita. I romanisti: "Finché ci saremo noi a ricordarti non sarai mai chiuso dentro quel buco"

ROMA - "Esistono i tifosi di calcio, e poi esistono i tifosi della Roma". E quegli stessi tifosi non smettono mai di ricordarlo, tra felicità, nostalgia e dolore. Soprattutto oggi, 30 maggio, anniversario della sua morte nel 1994. Agostino Di Bartolomei 26 anni fa si toglieva la vita a San Marco, la frazione di Castellabate dove viveva, sparandosi un colpo di pistola Smith & Wesson .38 Special al petto. "Mi sento chiuso in un buco", il suo ultimo messaggio prima del suicidio. 

Roma, Friedkin-Pallotta: è braccio di ferro

Il calcio lo aveva dimenticato, non i tifosi che continuano a ricordarlo con bandiere allo stadio, striscioni ma anche semplicemente con foto e post sui social. Tanti oggi, in questo drammatico giorno, per mandargli un pensiero: "Non ti dimenticheremo mai Ago, tu fai parte della storia della Roma", "Ci manchi capitano, sempre nei nostri cuori", "Silenzioso, ma dentro urlavi al mondo. Non ti hannoo capito", "Finché ci sarà la Roma, i tifosi e i ricordi non sarai mai chiuso dentro quel buco". 

Tutte le notizie sulla Roma

 

Roma, Campo Testaccio negli ultimi 20 anni: ecco come è cambiato
Guarda la gallery
Roma, Campo Testaccio negli ultimi 20 anni: ecco come è cambiato

Commenti