Friedkin e Vitek vogliono la Roma: ecco tutte le novità

I due imprenditori sono intenzionati a riprendere le trattative per rilevare la società e per acquistare i terreni dello stadio. Il prossimo mese sarà decisivo
Friedkin e Vitek vogliono la Roma: ecco tutte le novità© ANSA
Guido D'Ubaldo

Dan Friedkin non molla e con la ripresa del campionato è pronto a riformulare una nuova proposta per rilevare la Roma. Il magnate texano non ha perso interesse per la società di calcio, anche se attenderà la fine del campionato per poter tornare al tavolo. La nuova offerta sarà molto vicina ai 575 milioni offerti il 18 maggio, ma cambieranno le modalità di pagamento, per avvicinarsi così ai desiderata di Pallotta. Ma il presidente non sembra intenzionato a fare sconti e considera tuttora inaccettabile la proposta di 575 milioni. La situazione debitoria del club resta preoccupante, nella prossima settimana sono in arrivo due scadenze importanti: lunedì 29 l’assemblea dei soci, convocata in un giorno di festa a Roma e il giorno successivo la chiusura dell’anno fiscale. La Consob continua a monitorare i movimenti intorno alla Roma e anche Unicredit, uscita ufficialmente di scena, con l’avvocato Benedetta Navarra che fa parte del Cda in qualche modo presidia la situazione da lontano (comunque il Cda a ottobre sarà rinnovato). Tutti auspicano che la Roma trovi la strada per tornare ad essere competitiva. Il club sta anche cercando nuovi sponsor da affiancare al main sponsor. 

Roma, domenica di lavoro: Pellegrini a caccia della miglior forma
Guarda la gallery
Roma, domenica di lavoro: Pellegrini a caccia della miglior forma

Roma, la situazione legata allo stadio

Intanto l’attesa di anni di Pallotta per lo stadio di Tor di Valle sembra non essere stata vana. I tecnici del Comune capeggiati dalla dirigente Esposito stanno preparando la delibera della convenzione urbanistica con grande scrupolo, in modo che non potrà essere impugnabile per nessun motivo al Tar. In Campidoglio vogliono andare in aula, dopo il passaggio in Giunta, con un documento che sia assolutamente inattaccabile. Nello studio della sindaca già da alcune settimane c’è la bozza che tiene conto di tutte le prescrizioni. La Raggi sta pensando davvero di intestarsi lo stadio, da usare come strumento di propaganda in vista delle prossime elezioni, in programma a giugno 2021. Nei giorni scorsi c’è stata una forte apertura della Lombardi, grillina della prima ora, che si è detta favorevole a una eventuale conferma per i sindaci del M5S per il lavoro svolto durante la pandemia. Non è una promozione diretta della Raggi, nei confronti della quale è stata spesso molto critica, ma un riconoscimento all’amministrazione oculata di alcuni Comuni targati M5S. In alcuni casi hanno lavorato bene, rimettendo in moto la macchina organizzativa dopo il lockdown. La partita dello stadio però non si sbloccherà fin quando Parnasi non uscirà dal cartello dei proponenti. Vitek è sempre intenzionato a rilevare i terreni di Tor di Valle, senza più l’appoggio del Fondo York. L’immobiliarista ceco però vuole capire prima che succede alla Roma, cosa fa Pallotta, chi sarà il suo socio nella realizzazione del nuovo stadio di proprietà. Vitek è pronto a fare il passo definitivo, entro la fine di giugno salvo proroghe, ma vuole capire chi sarà il suo interlocutore. Preferirebbe Friedkin perchè aveva già cominciato ad avere contatti con i suoi uomini per la vicenda stadio. Il texano tra l’altro non era molto interessato al business park, la cui gestione avrebbe lasciato a Vitek. Il ceco può trovare aziende di altissimo livello per costruire lo stadio e realizzare il business park in tempi brevi.

Stadio della Roma, arriva un'altra grana

In Comune nei giorni scorsi è scoppiata un’altra grana. C’è stato uno scontro interno al M5S che può avere riflessi indiretti sull’ultimo passaggio in aula per l’approvazione del progetto di Tor di Valle. Al netto che De Vito non voterà per lo stadio, essendo stato coinvolto in una vicenda giudiziaria che lo riguardava, il presidente dell’Assemblea capitolina pressa con le opposizioni per far ripartire in via definitiva i lavori dell’aula Giulio Cesare. Ma il capogruppo del M5S, Giuliano Pacetti, non è d’accordo e ha dato dell’irresponsabile a De Vito. Il presidente d’aula ha replicato che il Comune dovrebbe dare l’esempio. La verità è che, pur considerando tutte le cautele da mantenere per l’emergenza sanitaria, il M5S non vuole tornare in aula, ha problemi di tenuta della maggioranza. E’ in atto uno scontro interno. Chissà dove porterà.

 

Juan Jesus, che attacco alla Roma!
Guarda il video
Juan Jesus, che attacco alla Roma!

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti