Roma, Friedkin dà scacco a Pallotta in 2 mesi

Il mercato, lo stadio, lo stemma: è tutto diverso. L'uscita dalla Borsa l'ultimo segnale di rottura
2 - Roma € 19.241.912,00© LAPRESSE
Roberto Maida

ROMA - L’ultimo gesto di rottura è stato l’uscita dalla Borsa. Pallotta ci aveva pensato tante volte, poi era stato convinto a rinviare la decisione. La famiglia Friedkin invece è entrata a piedi uniti sulla questione. Delisting sia allora, amen, con tanto di appello accorato di Guido Fienga agli azionisti: favorite il progetto, sarà un bene per la Roma.

Serie A, ecco tutti i giocatori positivi al Coronavirus
Guarda la gallery
Serie A, ecco tutti i giocatori positivi al Coronavirus

Medio termine

Il bene della Roma, per i Friedkin, è un concetto concreto. E per quanto si è compreso dopo due mesi di padronanza, prevede una presa di distanza tangibile da tutto ciò che stagnava nella precedente gestione. Tra il Texas e il Massachusetts passano migliaia di chilometri e culture profondamente diverse. I Friedkin hanno ad esempio già visto quattro partite su quattro da quando hanno comprato la Roma. Viste allo stadio, nonostante il Covid. In casa o in trasferta, here we are. Saranno in tribuna anche domani sera a Berna, per l’esordio in Europa. Per arrivare a cinque partite, Pallotta ha dovuto aspettare quasi tre anni. L’idea di essere presenti nella quotidianità del lavoro appare rivoluzionaria per le abitudini di chi frequenta il club da tanti anni. «Questi signori - raccontano - non sono interessati ad apparire, non vogliono ingraziarsi i giornalisti, vogliono solo ottenere risultati».

Van de Beek, l'agente ammette: "Era molto vicino alla Roma"

Roma deserta: ecco gli effetti del nuovo Dpcm sulla movida
Guarda la gallery
Roma deserta: ecco gli effetti del nuovo Dpcm sulla movida

Appeal

Risultati sportivi, certo. Andate a rivedere il pugno chiuso di Ryan Friedkin dopo il rigore di Veretout contro il Benevento. Risultati finanziari, ovvio, che non possono prescindere da un altro aumento di capitale nel 2021. Ma anche risultati emotivi. I Friedkin hanno ritenuto conveniente rispettare la sensibilità dei tifosi organizzati, acconsentendo al cambiamento dello stemma sulle maglie. In Curva Sud volevano quello tradizionale, che Pallotta aveva modificato con l’obiettivo (non sempre riuscito) di valorizzare il marchio Roma. I Friedkin hanno approvato l’esperimento, per adesso solo parziale, poi si vedrà. [...]

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport- Stadio

Intervista ad Alex Infascelli: "Totti a questo film ha lavorato per 25 anni"
Guarda il video
Intervista ad Alex Infascelli: "Totti a questo film ha lavorato per 25 anni"

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti