Roma, Villar super ora vede la Spagna

Fonseca lo stima. È bravo nel palleggio, salta l’uomo e sa sempre cosa fare. Potrebbe ricevere la chiamata di Luis Enrique
Roma, Villar super ora vede la Spagna© LAPRESSE
Roberto Maida

ROMA - «E’ arrivato il tiki-taka...». Scherza, sì, ma non troppo Gonzalo Villar rivedendo le immagini del gol di Mkhitaryan a Bologna. Un esempio perfetto di quello che, con un neologismo social, è stato definito il “fonsechismo”. Dopo meno di un anno di master, Villar è passato da studente imberbe a stimato professionista. Era un giovane senza pedigree, si sta calando nella relatà italiana con garbo ma anche con giustificata ambizione. Di questo passo - lo scrivono in Spagna - riceverà la chiamata di un altro allenatore passato per la Roma, Luis Enrique, che ora di mestiere fa il ct della nazionale spagnola.

Magica Roma, Bologna spazzato via da una cinquina
Guarda la gallery
Magica Roma, Bologna spazzato via da una cinquina

Integrazione

Stiamo correndo troppo? Forse. Ma la partita di Bologna, di cui Villar è stato ottimo interprete, impone alcune osservazioni. La Roma ha tanti centrocampisti diversi tra loro. E Villar ha qualità che altri non hanno, nel ruolo. La prima: è un regista che salta l’uomo, merce rara. La seconda: ha una lucidità nel palleggio ammirevole. Difficilmente sbaglia la scelta nella giocata. Può sbagliare la misura, certo. Ma non il concetto. E’ questo elemento ad aver conquistato piano piano Fonseca, che pretende un gruppo di giocatori essenzialmente coraggiosi. Villar, già da quella prima volta a Reggio Emilia contro il Sassuolo, ha fatto capire di non temere nulla.

Roma, Calafiori rinnova fino al 2025: "Più bella cosa non c'è"

Crescita

Ha anche dei difetti, il ragazzo. Il tiro in porta, per dire, non è il suo forte: non a caso, nella B spagnola, ha segnato solo 3 reti in 70 partite. E pensare che da piccolo, nel Real Murcia, giocava centravanti. Ma il resto è davvero sorprendente per un ragazzo di 22 anni che fino a gennaio non aveva mai giocato in un campionato di prima serie. Studiando da un idolo speciale, in tv, cioè don Andres Iniesta, Villar ha assimilato i tempi di gioco, la capacità di ribaltare in fretta e furia l’azione, l’idea di collettivo davanti al personalismo. [...]

Leggi l'articolo completo nell'edizione odierna del Corriere dello Sport - Stadio

Roma, Zaniolo continua con successo la riabilitazione
Guarda il video
Roma, Zaniolo continua con successo la riabilitazione

Mister Calcio Cup europei

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti