Roma, il rientro di Pedro: Fonseca ha un'arma in più

Lo spagnolo è ormai prossimo a tornare in gruppo: sarà convocato contro l'Udinese, ma deve uscire dalla crisi
Roma, il rientro di Pedro: Fonseca ha un'arma in più© LAPRESSE
Jacopo Aliprandi

ROMA - La Roma ha bisogno di gol, ma anche di più armi a disposizione da poter utilizzare a gara in corso per poter riuscire ad affondare il colpo e trovare le reti mancate contro la Juventus. Così Paulo Fonseca oltre a ritrovare Pellegrini, grande assente allo Stadium, speranza di riuscire a recuperare anche Pedro Rodriguez. Quello vero.

Lo spagnolo è fermo dalla gara di Coppa Italia contro lo Spezia per un problema muscolare e la sua stagione non sta andando come sperava. Un avvio scoppiettante con quattro gol e altrettanti assist, poi un improvviso calo nel rendimento e l’inizio di una serie di problemi fisici che hanno compromesso fin qui la sua prima stagione in giallorosso. Fonseca ha parlato di lui nella conferenza pre Juve: "Ha giocato grandi partite qui a Roma. Adesso è infortunato, sta recuperando. Penso che la prossima settimana sarà con la squadra. È un giocatore importante per la squadra, con caratteristiche che mi piacciono molto. Lo aspettiamo per aiutare la squadra". Al di là delle parole del tecnico, il rendimento del trantaduenne non è stato positivo negli ultimi mesi. 

La crisi è cominciata dalla gara persa allo stadio Maradona per 4 a 0 contro il Napoli, da allora Fonseca non ha più avuto a disposizione il vero Pedro. Nel match successivo contro il Sassuolo è arrivata l’espulsione (eccessiva) dopo soli quarantuno minuti di gioco, poi un rendimento altalenante contro Torino, Atalanta (la sua peggior partita) e Cagliari. Fuori dal gioco, non incisivo in attacco e di poco aiuto anche nella fase difensiva: insomma, più un problema che un aiuto alla squadra.

Sia chiaro, non per le sue indiscutibili qualità, piuttosto per un calo fisico che il trentatreenne non è riuscito a scongiurare. Troppe partite giocate a distanza ravvicinata in una stagione compressa, che ha lasciato strascichi evidenti sulla sua condizione fisica e che non gli ha permesso il giusto recupero. La prova è arrivata all’inizio del 2021, con la lesione al flessore che lo ha costretto a saltare tre gare. Poi il ritorno in campo nel secondo tempo del derby con una prestazione incolore, senza i lampi o i guizzi che la Roma si aspetta da lui, soprattutto vista l’esperienza e la personalità di un giocatore che ha vinto venticinque titoli in carriera. E non è andata meglio in Coppa Italia contro lo Spezia, nella disfatta che ha segnato la crisi tra Dzeko e Fonseca. Negli ultimi dieci giorni Pedro è sparito dai radar per un altro problema muscolare: tanta fisioterapia e lavoro in palestra, ancora nessun allenamento in campo con i compagni.

Pedro, ecco il rientro

Il tecnico adesso lo vuole a disposizione contro l'Udinese, anche solo per la panchina. La Roma ha bisogno del suo aiuto sia per le sue qualità tecniche, sia per la sua personalità. Pedro è un vincente, il club lo ha messo sotto contratto anche per trascinare (insieme agli altri senatori) una squadra con tanti giovani e giocatori che non hanno mai vinto titoli. Con Pellegrini di nuovo spostato sulla trequarti e l’arrivo di El Shaarawy, Pedro potrà gestirsi al meglio per non dover giocare tutte le partite ma scendere in campo (anche a gara in corso) solamente in buone condizioni. Il primo segnale però dovrà arrivare da lui, dal campo: Fonseca si aspetta di ritrovare il prima possibile il miglior Pedro per avere una freccia in più da scoccare nelle partite decisive.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti