Mkhitaryan, il ricordo del genocidio: "Fiero di essere armeno"

Oggi ricorre il 106° anniversario del genocidio del popolo armeno in cui vennero uccise oltre un milioni e mezzo di persone
Mkhitaryan, il ricordo del genocidio: "Fiero di essere armeno"© LAPRESSE
1 min

ROMA - Occhi sul Cagliari e il Manchester United. Testa al presente, al futuro ma anche al passato. Perché se Henrikh Mkhitaryan è concentrato sui prossimi due impegni tra campionato ed Europa League, l’armeno nella sua vita extra calcistica sta vivendo giorni di grande riflessione nel ricordo del genocidio del suo popolo avvenuto nel 1915.

Henrikh ha promosso sui social un video della Comunità armena di Roma in occasione del 106° anniversario del genocidio che ricorre oggi, 24 aprile. "Mi chiamo Henrikh Mkhitaryan, sono un calciatore professionista e sono fiero di essere armeno". Le sue parole passano nel video tra i tanti volti di cittadini italiani di origine armena o armeni che lavorano in Italia come lui e che fanno parte della folta diaspora armena nel mondo (otto milioni di persone) formatasi in conseguenza del genocidio di oltre un milione e mezzo di persone.

Montella: "Ho rifiutato alcune proposte, adesso sono pronto a tornare"
Guarda il video
Montella: "Ho rifiutato alcune proposte, adesso sono pronto a tornare"


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti