Koopmeiners, messaggio a Roma e Atalanta: "Fate presto, è stressante"

Il centrocampista chiama i due club interessati a lui: "Questa situazione porta stress, perché alla fine ci pensi ogni giorno. Se il trasferimento non avverrà prima dell’inizio della stagione dovrò solo giocare bene e mettere più minuti possibile nelle gambe"
Koopmeiners, messaggio a Roma e Atalanta: "Fate presto, è stressante"© Getty Images

ROMA - La fumata nera con l'Arsenal per Granit Xhaka ha portato la Roma a guardare altrove per regalare un centrocampista a José Mourinho. Tra i nomi della lista di Tiago Pinto c'è quello di Teun Koopmeiners, ventitreenne dell'Az Alkmaar già in passato cercato dai giallorossi. Ma non solo, perché anche l'Atalanta è da tempo sul giocatore senza però trovare l'accordo con il club olandese. Intato dal ritiro della squadra Koopmeiners ha mandato un messaggio chiaro ai due club interessati a lui: "Pensavo che sarebbe andato tutto più liscio. Nella mia testa c’è molto da fare. Questa situazione porta stress, perché alla fine ci pensi ogni giorno. Se il trasferimento non avverrà prima dell’inizio della stagione dovrò solo giocare bene e mettere più minuti possibile nelle gambe. Capisco che la gente pensi che io abbia detto addio al club da tempo, ma soprattutto in questo periodo, contraddistinto dal coronavirus, un addio è vero solo al momento delle firme. Come ho detto è una situazione stressante, ma riesco ad essere abbastanza calmo, anche perché sono in una situazione di lusso: l’Az non è un club che voglio lasciare a tutti i costi. I colloqui sono in pieno svolgimento", ha dichiarato il centrocampista confermando poi ai media olandesi i contatti con Roma e Atalanta. 

Cristante e Shomurodov partono per il Portogallo: stasera l'incontro con Mourinho
Guarda il video
Cristante e Shomurodov partono per il Portogallo: stasera l'incontro con Mourinho

Approfitta del Black Friday!

L'edizione digitale con un maxi-sconto

Approfitta dell'offerta a soli 59,99€ per un anno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti