Roma-Feyenoord, Mkhitaryan c'è e ha tanta voglia di divertirsi

L'armeno partirà dal primo minuto, affiancando Pellegrini sulla trequarti. Dubbio Zaniolo: in campo al posto di Sergio Oliveira o cambio di rottura
Roma-Feyenoord, Mkhitaryan c'è e ha tanta voglia di divertirsi© LaPresse
4 min
Guido D'Ubaldo
TagsRomaFeyenoordConference League

TIRANA - Come avevamo anticipato e previsto, questa sera Mkhitaryan sarà in campo. Ieri mattina l’armeno si è allenato a Trigoria per la prima volta con i compagni, dopo l’infortunio muscolare di fine aprile a Leicester. Ha lavorato molto in questi giorni, anche quando i compagni erano in vacanza. I progressi avevano fatto sperare Mourinho, che ieri lo ha visto partecipare anche alla partitella, senza avvertire problemi. Mkhitaryan al termine dell’allenamento ha dato la sua disponibilità, ha detto all’allenatore di essere pronto. La sua esperienza è importante, con Smalling e Rui Patricio è uno dei veterani di questa squadra, insieme al difensore e ad Abraham è l’unico ad aver vinto un trofeo internazionale per club.  

Mourinho: "Mkhitaryan sta bene"
Guarda il video
Mourinho: "Mkhitaryan sta bene"

Test positivo nella rifinitura

La rifinitura aperta ai giornalisti, prima di salire sull’aereo per Tirana, non è stata un allenamento fake, come l’allenatore aveva definito la seduta durante il media day, ma è stato decisamente diverso da quelli che dirige a porte chiuse. Ieri José Mourinho ha accolto ancora una volta a Trigoria la stampa nella seduta di rifinitura in vista della finale di stasera contro il Feyenoord. Sicuramente la buona notizia ha riguardato il ritorno in gruppo di Henrikh Mkhitaryan che ha sostenuto tutta la sessione, dando ottime risposte nella tenuta fisica. L’armeno prima ha svolto tutti gli esercizi atletici, dalla corsa agli scatti fino ai cambi di direzione, poi si è mosso bene nel torello e ha giocato tutta la partita a campo ridotto, impostata sull’intensità del ritmo e il possesso palla. Si è arrabbiato quando ha sbagliato qualche pallone, ha scherzato con i suoi compagni di squadra durante le pause e ha mostrato una forma sicuramente accettabile in vista della partita. Ecco perché Mkhitaryan partirà dal primo minuto, affiancando Pellegrini sulla trequarti e arretrando in aiuto di Cristante e Sergio Oliveira in mezzo al campo. I giocatori sono apparsi tutti carichi, sanno che questa è una grande occasione per la loro carriera. Per molti sarebbe il primo trofeo. 

Roma-Feyenoord, la formazione ufficiale di Mourinho
Guarda la gallery
Roma-Feyenoord, la formazione ufficiale di Mourinho

Dubbio Zaniolo

L’unico dubbio di formazione riguarda Zaniolo. L’azzurro potrebbe partire dalla panchina, per avere un cambio pesante e spezzare la partita, se ce ne fosse bisogno. Il ballottaggio è tra lui e Sergio Oliveira. Con il portoghese in campo la Roma è meno sbilanciata in avanti e ha più equilibrio. Il resto della squadra è fatto. In difesa Mancini, Smalling e Ibañez con Rui Patricio in porta. Karsdorp e Zalewski sulle fasce con Cristante sicuro in mezzo al campo. Sergio Oliveira dovrebbe essere la sua spalla. Ma se Zaniolo dovesse partire dall’inizio sarebbe Mkhitaryan a scalare a centrocampo. Davanti Abraham, che ha l’obiettivo di vincere la coppa e conquistare il titolo di capocannoniere della Conference League.

(ha collaborato Jacopo Aliprandi)

Maglia Abraham: scopri l'offerta

Commenti