Roma, un'estate di alto livello: il programma di Mourinho

È già tempo di pianificare la stagione 2022-2023: il ritiro in Portogallo, poi a fine luglio il test contro il Tottenham in Israele. Tante amichevoli, c’è anche un invito del Barcellona
Roma, un'estate di alto livello: il programma di Mourinho© AS Roma via Getty Images
4 min
Guido D'Ubaldo

ROMA - Mentre cominciano le vacanze dopo il trionfo europeo si delinea la nuova stagione giallorossa. Il raduno è fissato per l’inizio di luglio, con il campionato che comincia il 14 agosto. I giocatori si ritroveranno a Trigoria il 4 o il 5 luglio per preparare il nuovo campionato. Quasi sicuramente la Roma tornerà in Portogallo, dove era già stata la scorsa estate, appena arrivato Mourinho. I primi giorni presso il centro sportivo, poi la partenza per l’Algarve, probabilmente una località poco distante da Carvoeiro, dove è stata un anno fa. La nuova Roma disputerà due o tre partite contro le migliori squadre portoghesi, poi si sposterà in giro per altre amichevoli. E’ tramontata l’ipotesi di una tourneè negli Stati Uniti, anche se era arrivata una proposta economicamente interessante. Questo appuntamento con la gestione Pallotta era diventato quasi una prassi. L'ultima tournée americana dei giallorossi è datata 2018. Nel 2019 la Roma avrebbe dovuto partecipare all'International Champions Cup, salvo poi rinunciare per via dei preliminari di Europa League (mai disputati: in quella stagione la Roma, per via dell'esclusione del Milan, venne poi ammessa direttamente alla fase a gironi).

In Israele

La squadra giallorossa potrebbe giocare in Spagna, poi si sposterà in Israele. Il 30 luglio affronterà il Tottenham di Antonio Conte. Le due squadre si sfideranno al “Sammy Ofer Stadium” di Haifa, in Israele. La gara, che rientra nel programma delle amichevoli delle due squadre nella preparazione alla prossima stagione, è stata ufficializzata ieri e farà parte della I-Tech Cup, un format creato dagli organizzatori di eventi MTR7, per mostrare le tecnologie locali in un paese rinomato come hub per le aziende high-tech. Mourinho ritrova l’ultimo club inglese che ha allenato, prima di essere esonerato, tredici mesi fa. «La sfida con il Tottenham sarà una tappa importante nel percorso di preparazione alla nuova stagione», ha affermato il General Manager della Roma, Tiago Pinto. «Giocare a Haifa, in Israele, rappresenterà inoltre un’esperienza di grande interesse per tutti noi e siamo impazienti di viverla». Quella di luglio sarà la quarta gara estiva contro gli Spurs, dopo quelle del 2008, 2017 e 2018. Mourinho vuole testare la nuova Roma subito con avversari di alto livello, è stato così anche nella scorsa stagione. E poi ci saranno molte amichevoli a pochi giorni di distanza.

Le condizioni

Per i primi di agosto la Roma ha ricevuto l’offerta di giocare a Barcellona il trofeo Gamper. Infine, è stata proposta anche un'ultima amichevole a Frosinone pochi giorni prima dell'inizio del campionato. Mourinho vuole un ritiro blindato, dove gli allenamenti devono restare top secret. Massima privacy per i giocatori anche nei momenti di relax. La scorsa estate ha trovato le condizioni ideali, anche nelle strutture in Algarve. Campi di allenamento, stadi, tutto a pochi chilometri di distanza, senza spostamenti difficoltosi. Lo Special One porterà in ritiro un numero di giocatori non troppo elevato e vorrebbe evitare di avere quegli elementi che non rientrano nei suoi piani tecnici, come è accaduto nella passata stagione. Ci saranno alcuni giovani in prova, che poi si giocheranno la conferma. La scorsa estate in ritiro furono promossi Zalewski e Bove, che sono rimasti in prima squadra, con il polacco rivelazione della stagione, fino a diventare titolare.

Roma, Mourinho diventa "Imperatore": il murales al Circo Massimo
Guarda la gallery
Roma, Mourinho diventa "Imperatore": il murales al Circo Massimo

 

Maglia Abraham: scopri l'offerta

Commenti