Sorpresa Dybala, le tre curiose scoperte fatte una volta arrivato a Roma

Il processo di inserimento nel nuovo ambiente (squadra e città) da parte della Joya prosegue a ritmo serrato. E l’affetto della gente è palpabile ai suoi occhi. Intanto l'argentino scopre la birra e il gelato a suo nome
Sorpresa Dybala, le tre curiose scoperte fatte una volta arrivato a Roma© AS Roma via Getty Images
4 min
Guido D'Ubaldo

Aspettando Dybala, la Roma torna dal Portogallo con qualche dubbio e tante certezze. Paulo si è fatto un’idea della squadra nella quale giocherà, anche se sabato è stata una sofferenza per lui restare seduto in panchina nell’amichevole contro il Nizza. L’argentino non vede l’ora di scendere in campo. Intanto ha cominciato a fraternizzare con i compagni, li segue tutti sui social. Quando Bove, qualche giorno fa, ha visto che tra i suoi follewer c’era anche Dybala, uno che di follower ne ha quasi cinquanta milioni, ha pensato fosse uno scherzo. L’argentino vuole cominciare in fretta il processo di “romanizzazione”. Nella notte tra sabato e domenica, al rientro dal Portogallo, è rimasto a dormire a Trigoria, come ha fatto anche Mourinho. Ha trascorso la giornata nel centro sportivo, in relax e cominciando a studiare la nuova realtà. L’entusiasmo dei tifosi non accenna a scemare. Gli hanno riferito che hanno inventato un gusto di gelato che porta il suo nome e anche una birra, è rimasto molto divertito. Ieri Daniele De Rossi ha risposto su Instagram al messaggio di auguri (ha compiuto 39 anni) del club con un post scherzoso: «Grazie. Per regalo mi mandate una ventina di maglie di Dybala, che qui anche se ho smesso continuano a chiedermele?» Insomma, la Joya ha avuto conferma di aver fatto la scelta migliore, anche se all’inizio aveva molte perplessità. Ma poi si è lasciato convincere dal carisma di José Mourinho e dalla voglia di fare grandi cose che stanno dimostrando i Friedkin. 

Il retroscena sulle prime ore di Dybala alla Roma
Guarda la gallery
Il retroscena sulle prime ore di Dybala alla Roma

La nuova realtà di Dybala

Ha letto tutto, si informa su tutto ciò che gli gira intorno. Ha saputo che a Trigoria periodicamente va un parrucchiere a tagliare i capelli ai giocatori, presto ne avrà bisogno anche lui. Il suo staff lo seguirà a 360 gradi, lo raggiungerà anche la madre, che per ora è rimasta a Torino. Avrà bisogno di persone che lo seguono, perché ha già capito che non potrà girare per Roma da solo. Dopo i due giorni di riposo riprenderà la preparazione individuale per farsi trovare pronto per i prossimi impegni. Si trova molto bene con i metodi di lavoro di Mourinho. Potrebbe giocare nel test a porte chiuse di mercoledì contro l’Ascoli e nella sfida più difficile del precampionato, quella in programma in Israele sabato prossimo contro il Tottenham.

L'abbraccio dei tifosi della Roma a Dybala

Oggi dovrebbe sapere quando la società deciderà di presentarlo, nei prossimi giorni o dopo l’amichevole con lo Shakhtar Donetsk di domenica prossima. Quel giorno abbraccerà idealmente i tifosi giallorossi, che lo hanno accolto come in nessun’altra realtà sarebbe capitato. Quella sera all’Olimpico ci sarà tutto il suo staff al completo in tribuna. In questi primi torridi giorni lo aiuta Maurizio Romano, il segretario sportivo che aveva conosciuto quando era alla Juventus. Era molto dispiaciuto quando seppe che stava andando via, lo ha ritrovato volentieri alla Roma. Sa che qui ci sono le condizioni per fare grandi cose. Mourinho lo ha convinto dicendogli che vuole continuare a vincere con lui. Lasciare la Juventus, dove era vicecapitano, dopo sette anni non è stato facile, ma per voltare pagina gli basta dimostrare di essere Dybala anche in giallorosso.

Roma, rinviato il debutto di Dybala
Guarda il video
Roma, rinviato il debutto di Dybala


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti