Roma, per Pietralata ci siamo: il progetto stadio a ottobre

Allo studio Gau affidata l’analisi di fattibilità, l’ideatore sarà scelto con un concorso internazionale
Roma, per Pietralata ci siamo: il progetto stadio a ottobre
3 min
Guido D’Ubaldo
TagsRomaPietralataStadio

ROMA - I Friedkin proseguono la politica di consolidamento della società. Hanno allestito una squadra competitiva (e gli acquisti non sono finiti) per accontentare Mourinho, ma lavorano anche al di fuori dell’area sportiva. Anche in questi giorni Ryan è a Trigoria, segue costantemente gli allenamenti della squadra. Entro meno di un mese la società uscirà dalla Borsa, dopo il successo dell’Opa, ma l’altro obiettivo che sta per essere raggiunto riguarda lo stadio di proprietà. In questo periodo in Campidoglio l’attività degli uffici è ridotta per le vacanze di agosto, ma il dialogo con i tecnici della Roma prosegue in modo proficuo. Dopo aver individuato l’area di Pietralata, nelle scorse settimane è stato affrontato il tema della titolarità dei terreni, che sono stati espropriati dal Comune ormai più di 20 anni fa per realizzare lo Sdo, il nuovo sistema che avrebbe dovuto portare nell’area a oriente del centro storico il grande centro direzionale della Capitale. Dopo la pausa estiva la Roma si prepara a presentare il progetto. Secondo fonti accreditate a ottobre, massimo novembre sarà pronto e comprenderà lo studio di fattibilità, con il relativo piano tecnico-economico.

Evitare gli ostacoli

La società giallorossa si è affidata a un importante studio di architettura, lo studio Gau, che aveva già disegnato il progetto per l’impianto della Massimina voluto da Rosella Sensi, ma poi rimasto nel cassetto. Negli incontri tra i tecnici in Comune sono state fatte molte verifiche, dall’assetto dei trasporti fino allo studio sull’impatto ambientale. La capienza sarà in linea con le ultime tendenze, con poco meno di sessantamila posti, nel pieno rispetto dei requisiti necessari per ospitare una finale di Champions League. L’importante è avere la certezza di non finire in un altro pantano burocratico come è accaduto per Tor di Valle. Sono state studiate le caratteristiche del terreno e sono state fatte le prove acustiche. L’intenzione, conclusa la fase delle indagini preliminare, è quella di lanciare un concorso internazionale per individuare lo studio destinato a realizzare il nuovo stadio della Roma. Che sarà avveniristico e dotato di tutte le tecnologie di ultima generazione, con schermi ad alta definizione, aperto al pubblico sette giorni su sette. Si arriverà al concorso internazionale dopo aver concluso tutti gli studi di fattibilità affidati allo studio Gau, che ha il compito di rendere praticabile il progetto che verrà presentato. Lo studio con sede a Roma in via del Babuino lavora anche sul restyling del Renato Dall’Ara di Bologna e sullo stadio dell’Avellino. In Italia segue gli stadi di Padova, Palermo, all’estero il Samawa stadium in Iraq e il Rijeka stadium in Croazia.

Roma, ecco l'area a Pietralata dove sorgerà il nuovo stadio
Guarda il video
Roma, ecco l'area a Pietralata dove sorgerà il nuovo stadio


Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Commenti