Retroscena Volpato: come la Roma lo ha scoperto in Australia

E' arrivato dal paese dei canguri: blindato da De Sanctis, Totti lo ha ingaggiato nella sua scuderia e Mourinho lo ha lanciato tra i big del calcio
Retroscena Volpato: come la Roma lo ha scoperto in Australia© Getty Images
5 min
Roberto Maida
TagsRomaVolpatoMourinho

ROMA - E pensare che non era cominciata bene. In tutto il mese di agosto, dopo un ritiro di atteggiamenti imperfetti, Mourinho lo aveva escluso dalle convocazioni lasciandolo pascolare con la Primavera. Quattro partite di campionato da fantasma: Cristian Volpato era sparito dalla circolazione, giocando e segnando solo con i coetanei della Roma e della Nazionale Under 19. Si trattava di una lezione, o se volete di una punizione, del maestro all’allievo. Per fortuna a 18 anni esiste il tempo di correggersi, magari attraverso un chiarimento o una promessa. Richiamato in servizio a Udine, Volpato non ha più lasciato la prima squadra. Ha sudato, ha aspettato, ha ottenuto. Prima ha esordito da titolare in Europa League, a Helsinki. Poi ha sconvolto la partita di Verona, arrampicandosi sul grattacielo della felicità.

Volpato segna mentre Totti entra in campo: ecco le parole del Capitano
Guarda il video
Volpato segna mentre Totti entra in campo: ecco le parole del Capitano

Bersaglio

Possiamo chiamarlo Hellas Volpato per questa strana coincidenza: due gol in A, tutti e due al Verona, tutti e due con un tiro improvviso e secco, di quelli che faceva il suo giovane mentore, Francesco Totti, che l’ha ingaggiato nella scuderia calciatori dopo averlo visto calciare «Evidentemente è destino, perché i miei nonni sono di queste parti» ha scherzato Cristian, nel suo italiano ancora intimidito. In effetti la famiglia del padre è di Treviso mentre l’altra parte è meridionale, tra Napoli e Messina. Nato e cresciuto in Australia, Volpato è stato allevato a pane e calcio. Qualche settimana fa ci raccontava che «all’età di quattro anni mio nonno Sergio mi ha tirato un pallone. Non mi sono più staccato da lui». Sempre con un’idea fissa: «Diventare un professionista ed essere allenato da Josè Mourinho». A volte i sogni si avverano. 

Il viaggio

Certo, non è tutto denaro ciò che fruscia. Cristian è stato selezionato molto piccolo dall’accademia di Sydney gestita dall’ex calciatore Andrea Icardi. Lì un talent scout, Tony Basha, lo segnalò all’amico Fabrizio Piccareta, che all’epoca allenava l’Under 17 della Roma e girò la dritta alla società. Poi è stato bravo Morgan De Sanctis, oggi direttore sportivo della Salernitana, a capire che «il bambino» meritasse attenzione. L’hanno fatto venire con la madre, l’adorata Claudia, e lo hanno sottoposto a un provino con la maglia del Trastevere. Volpato ha segnato subito tre gol in amichevole. «E' giusto, prendiamolo» ha ordinato De Sanctis. Sono stati giorni tosti. Il trasferimento improvviso dall’altra parte del mondo, gli amici di sempre che si allontanano. «Duro sì, per fortuna c’era mamma». Nel gennaio 2020, Cristian ha firmato il primo contratto con la Roma indossando presto la maglia numero 10 della Primavera. Mourinho, che segue spesso le partite dei giovani a Trigoria, lo ha notato nell’autunno 2021 portandolo in panchina a Cagliari. E gli ha regalato il debutto, sotto gli occhi di Totti che era in tribuna, negli ultimi minuti contro l’Inter. 

Il legame

Il resto lo sapete. Entrando contro il Verona sullo 0-2, in quel caso all’Olimpico, segnò il gol che avviò la rimonta poi completata dall’altro gioiellino Bove, che ha un anno in più. Al Bentegodi invece in mezz’ora ha prodotto un gol e un assist. E forse «è solo l’inizio», come gli ha ricordato Zaniolo lunedì sera. Due mesi fa, mentre le voci di mercato lo davano vicino al Sassuolo, ha rinnovato il contratto con la Roma fino al 2026. E' segno che la società, non solo Mourinho, voglia insistere sulla formazione di questo talento mancino che non ha paura di osare. «Cristian ha tutto per diventare un giocatore importante per la Roma» ha spiegato il general manager Tiago Pinto.

La scelta

Con la famiglia si è sistemato all’Axa, in una delle case di proprietà di Totti. Quanto alla nazionalità, Volpato ha lasciato decidere il cuore. O meglio il sangue: «L’Australia mi voleva, mi avrebbe anche garantito la convocazione ai Mondiali in Qatar ma io mi sento completamente azzurro. E ai Mondiali magari andrò lo stesso tra quattro anni». Lo speriamo, per lui e per il movimento italico. Intanto però il ragazzino ha segnato 2 gol all’Europeo Under 19 e ha raggiunto l’Under 20. Presto, se continua la sua evoluzione, salirà di livello. Non saremmo sorpresi se Roberto Mancini, che da ex fantasista riconosce i calciatori creativi, lo chiamasse per uno dei suoi stage.

Roma, quando Volpato faceva magie in Primavera (con la maglia numero 10)
Guarda il video
Roma, quando Volpato faceva magie in Primavera (con la maglia numero 10)


Acquista ora il tuo biglietto! Vivi la partita direttamente allo stadio.

Commenti