Corriere dello Sport

Sampdoria

Vedi Tutte
Sampdoria

Serie A Sampdoria, Giampaolo:«Puniti oltremodo dall'errore di Skriniar»

Serie A Sampdoria, Giampaolo:«Puniti oltremodo dall'errore di Skriniar»
© Getty Images

Il tecnico: «Non posso colpevolizzare il ragazzo. Ma non meritavamo assolutamente di perdere»

Sullo stesso argomento

 

venerdì 16 settembre 2016 23:22

GENOVA - "L'errore di Skriniar? Un errore tecnico, non posso colpevolizzare il ragazzo. E' un infortunio che ci ha puniti oltremodo, non meritavamo assolutamente di perdere". Così il tecnico della Sampdoria, Giampaolo, commenta ai microfoni di Sky la sconfitta interna patita per mano del Milan: rabbia per il risultato ma anche orgoglio per la buona prestazione offerta dai suoi: "Personalità? Queste sono le cose che chiedo sempre alla squadra. A fine gara devi uscire a testa alta: abbiamo cercato di giocarla, i ragazzi hanno dato tutto. Poi è chiaro che il calcio è fatto anche da episodi, a volte a favore, a volte non a favore, ma spesso condizionano il risultato finale"

TABELLINO E STATISTICHE

TORREIRA E MURIEL - "Torreira? E' un ragazzo che viene dalla strada: ha tanta fame e tanta voglia di arrivare. Muriel ha qualità straordinarie. Forse quando arrivi a un'età capisci che devi fare qualcosa di diverso, spero che lui abbia raggiunto la maturità per poter esplodere"

CRONACA

LA PANCHINA - Sulla possibilità che potesse giocare questa gara sull'altra panchina, il tecnico commenta così: "No, l'ho giocata sulla panchina giusta con grande orgoglio, Sono contento di questi ragazzi e di questo gruppo. Dispiace aver perso, ma dobbiamo buttare giù il boccone amari in fretta, visto che si rigioca subito. Nel secondo tempo probabilmente abbiamo perso qualche distanza: dobbiamo migliorare. Ma è anche vero che oggi ho riportato Regini a sinistra dopo che era stato per tanto tempo al centro; e quindi non ha del tutto le misure. Poi Pereira rigioca da gennaio: è ovvio che qualcosa venga meno. Poi è chiaro che contro una squadra come il Milan qualcosa devi concedere. E con l'andar della gara perdi qualche risorsa e qualche energia. E' difficile mantenere l'intensità alta per 95 minuti. E' chiaro che i risultati sono importanti per mantenere un certo tipo di mentalità, non deve venirti il braccino. Ma la strada deve essere quella, bisogna mantenere sempre lo stesso atteggiamento. E penso che attraverso il lavoro possiamo ancora migliorare".

Articoli correlati

Commenti