Italiano: "Lazio tra le più forti. Evitiamo gli errori dell'andata"

Il tecnico dello Spezia: "É la prima di dieci sfide importantissime, speriamo di rispondere presente. Salvezza? Importante aver vinto col Cagliari"
Italiano: "Lazio tra le più forti. Evitiamo gli errori dell'andata"© Getty Images

LA SPEZIA - Lo Spezia riprende il cammino per la salvezza dall'Olimpico: a dieci giornate dal termine, la sfida di domani alla Lazio vale punti importanti in chiave salvezza. "Abbiamo ritrovato tra ieri e oggi i nazionali, abbiamo cercato di preparare in due allenamenti una trasferta difficilissima contro una delle squadre più forti. Speriamo di non commettere gli stessi errori dell'andata. É la prima di dieci sfide importantissime, speriamo di rispondere presente" dice l'allenatore Vincenzo Italiano, che sullo stato di forma dei nove giocatori impegnati nelle nazionali spiega che "fisicamente e mentalmente stanno bene. Sono contento per le loro esperienze, essere nel giro delle nazionali è sempre una grande soddisfazione, e mi auguro che questo dia a tutti una spinta ulteriore per il rush finale".

Piccoli-Maggiore, poi Pereiro: il Var cancella il 2-2 di Joao Pedro
Guarda la gallery
Piccoli-Maggiore, poi Pereiro: il Var cancella il 2-2 di Joao Pedro

Corsa salvezza

La vittoria contro il Cagliari ha portato a sette i punti di vantaggio dello Spezia sulla zona retrocessione, con Italiano che chiede sacrificio e abnegazione per compiere quei passi decisivi verso la salvezza. "La vittoria col Cagliari è stata molto importante, perché arrivavamo da un periodo un po' negativo nonostante le prestazioni confortanti. La nostra idea, il nostro pensiero continuerà a essere quello che ci ha permesso di ottenere 29 punti, sapendo che in tante situazioni possiamo cercare di migliorare: dovremo evitare sia quei momenti dove stacchiamo la spina e concediamo un po' troppo all'avversario, sia quei frangenti dove possiamo fare male ma non riusciamo ad affondare il colpo. La sfida decisiva col Crotone di sabato prossimo? Non ci penso - dice Italiano -, ne prepariamo una alla volta, ora concentriamoci sulla Lazio". Dal tecnico siciliano anche una riflessione sulla mancata assegnazione della Panchina d'Argento, premio al miglior tecnico di Serie B. "Nessun rammarico, mi tengo stretti l'affetto e la fiducia dei tifosi, di cui vado fiero: dopo le difficoltà iniziali non pensavo si potesse arrivare a questo punto. I premi individuali in questo momento non fanno parte del mio pensiero né di quelli del mio staff, e neppure di tutti quelli che in questo momento pensano solo al risultato collettivo e di squadra"

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti