Grande Torino, l'omaggio agli «Invincibili» nel 70° anniversario della tragedia di Superga
© ANSA
Torino
0

Grande Torino, l'omaggio agli «Invincibili» nel 70° anniversario della tragedia di Superga

La serata-evento andrà in onda il 4 maggio, su Focus. Cairo: «Cerchiamo di essere all'altezza di una squadra inarrivabile». Belotti: «A Superga magia particolare, difficile spiegare quello che si prova»

TORINO - A 70 anni dalla tragedia di Superga "Focus" omaggia il "Grande Torino" con una serata-evento in onda sabato 4 maggio dalle 21.15. Lo speciale, a cura della redazione di SportMediaset è intitolato «Gli invicibili: il sogno spezzato - 70 anni di passione e orgoglio». Ad anticipare le celebrazioni gli interventi del presidente Cairo e di Capitan Belotti: "A 70 anni dalla tragedia di Superga è una responsabilità essere presidente del Torino. Il “Grande Torino” - prosegue il Presidente granata - è stata una squadra assolutamente inarrivabile, fatta da giocatori invincibili, che ha vinto cinque scudetti di fila e che avrebbe probabilmente continuato a vincere. Il “Grande Torino”, ai tifosi del Toro - ed agli italiani che non tifavano Torino, ma apprezzavano la squadra - ha regalato un senso di rinascita. Arrivava dopo la Seconda Guerra Mondiale: persa. Era un momento positivo per l’Italia, un momento di ripartenza e di ricostruzione. Il “Grande Torino” ha donato un senso di forza, di bellezza e di qualità incredibile». «Oggi - conclude Cairo - i tempi sono molto cambiati. E cercare di essere all’altezza di qualcuno che ha fatto cose straordinarie, dà un forte senso di responsabilità».

Cairo: "Bella vittoria contro una grande squadra"


CAPITAN BELOTTI - «Essere Capitano del Torino è motivo d’orgoglio, soprattutto nella giornata del 4 maggio. Descrivere quello che si prova a Superga è molto difficile, perché si crea una magia particolare - rivela l'attaccante - e quando arriviamo ci sono sempre migliaia di persone e davanti alla lapide c’è posto per pochissimi. Ma la cosa che colpisce di più - prosegue Belotti - è il rispetto e la compostezza di tutti… il religioso silenzio. Leggere i nomi delle 31 vittime, di fronte a tutte quelle persone, è una grande emozione. La prima volta - conclude - è stato nel 2017, lo ricordo come se fosse ieri… e i nomi non li ho letti: li ho proprio urlati. Volevo che mi sentissero fin lassù, nel cielo».

Tutte le notizie di Torino

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

SERIE A - 5° GIORNATA
VENERDÌ 23 OTTOBRE 2020
Sassuolo - Torino 3 - 3
SABATO 24 OTTOBRE 2020
Atalanta - Sampdoria 1 - 3
Genoa - Inter 0 - 2
Lazio - Bologna 2 - 1
DOMENICA 25 OTTOBRE 2020
Cagliari - Crotone 4 - 2
Benevento - Napoli
Parma - Spezia
Fiorentina - Udinese 18:00
Juve - Verona 20:45
LUNEDÌ 26 OTTOBRE 2020
Milan - Roma 20:45