"Lazio-Torino 3-0? Il Giudice Sportivo consenta di giocare"

L'avvocato del club granata Eduardo Chiacchio è intervenuto sul match non disputato all'Olimpico: "Gravina ha fatto chiarezza, non potevamo muoverci"
"Lazio-Torino 3-0? Il Giudice Sportivo consenta di giocare"© LAPRESSE
TagsTorinoLazio

TORINO - Il legale del club granata Eduardo Chiacchio è intervenuto a Radio Punto Nuovo sulla questione Lazio-Torino, gara in programma ieri pomeriggio all'Olimpico, ma non disputata per il blocco predisposto dall'Asl nei confronti della squadra di Cairo: "Non ci sarà il 3-0 a tavolino stasera? No, assolutamente. Ci auguriamo che il giudice sportivo non applichi la sanzione della sconfitta a tavolino, ma consenta di giocare". Se il Torino fosse partito sarebbe stato penalmente perseguibile, questo il pensiero del legale granata: "Penso che non potevano muoversi dalla città di Torino. È chiaro che sarebbero stati perseguibili sotto ogni punto di vista. Gravina ieri ha chiarito la situazione. Peccato che i vertici della Lega con un consiglio d'urgenza abbiano invece deciso diversamente. Ieri sera si sarebbe potuta dare un'immagine diversa del calcio italiano e per queste situazioni antipatiche che purtroppo si ripetono in continuazione". Per evitare la sconfitta a tavolino il Torino si è gia mosso per presentare ricorso, con l'avvocato Chiacchio che spiega: "Per ogni ricorso è necessario che la società faccia arrivare un preannuncio. Oggi abbiamo inviato anche una Pec alla Lazio per informarla. Si tratta di un atto formale, ma indispensabile perché possa essere inviata la procedura di ricorso. Senza il preannuncio il ricorso sarebbe dichiarato inammissibile".

Lazio-Torino: la squadra di Inzaghi all'Olimpico
Guarda la gallery
Lazio-Torino: la squadra di Inzaghi all'Olimpico

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti