Nicola e il derby con la Juve: "Elettrico. Torino, non vedo l'ora"

L'allenatore granata: "Grande curiosità, per me è la prima volta. Nkoulou? Vorrei portarlo anche se non giocherà"
Nicola e il derby con la Juve: "Elettrico. Torino, non vedo l'ora"© LAPRESSE
TagsTorinojuvederby

TORINO - "Sarà una partita piacevole da giocare e vogliamo scendere in campo, è una gara che rappresenta la città ed è sentita diversamente. Abbiamo vissuto l'avvicinamento lavorando bene, e c'è grande curiosità visto che per me è il primo derby". Così Davide Nicola, in conferenza stampa, ha presentato la partitissima che attende il suo Torino. Il derby con la Juve, quest'anno, vale anche per la salvezza dalle parti del Filadelfia: "Abito vicino a Torino e chi ha questi colori come passione capisce quanto sia bello vivere questa gara. Cosa dirò ai ragazzi? Non ve lo dico... non ci ho ancora parlato. A me interessa dare il massimo, con grande voglia di confrontarsi" ha proseguito.

"Non vedo l'ora che l'arbitro fischi"

Sulla situazione infortunati: "Valuteremo e vedremo chi è al top e chi ha qualche problemino, i nazionali sono tornati qui con tanta gratitudine. C'è un senso di elettricità, non vedo l'ora che l'arbitro fischi: io partirei già adesso. Cosa dico ai tifosi? Gli spalti vuoti sono un colpo al cuore. Immaginiamo il rumore che portano i tifosi e che ti smuove dentro. Il calcio di adesso non ha quella valenza, sappiamo che è una mancanza importanza. Siamo nell'era dei social, possono starci vicino mandandoci messaggi. Metteremo in campo idee e organizzazione: ogni partita è importante e nel derby non esiste solo tattica o solo cuore, servono entrambe e serve metterci tutto". Sulla carta il pronostico sorride ai bianconeri: "Non mi interessa, abbiamo giocato con squadre importanti come Inter e Sassuolo e abbiamo dimostrato di fare partite anche magiche - è il monito agli avversari di Nicola -. Concentriamoci su ciò che dobbiamo fare, i pronostici valgono per altri. Io scendo in campo per ottenere il massimo".

Il rigore di Belotti e il capolavoro di Locatelli lanciano l'Italia
Guarda la gallery
Il rigore di Belotti e il capolavoro di Locatelli lanciano l'Italia

"Nkoulou vorrei portarlo comunque"

Su Nkoulou: "Vorrei convocarlo, anche se non potrà giocare visto che è stato a lungo con il Covid e gli serve un percorso per tornare alla miglior forma fisica, oltre agli esami post contagio. Per me è una pedina importante, vorrei portarlo per fargli assaggiare clima e adrenalina. Occasione visto il momento della Juve? Rispetto gli avversari e nel corso degli anni hanno dimostrato le loro grandi qualità: se sono primi, terzi o quarti sono consolidati nel tempo, scendendo sempre in campo per vincere. Ma in una partita singola può succedere di tutto". Sull'importanza di Belotti: "Non solo lui, sono tutti importanti e tutti devono essere consapevoli di poter fare bene. Il Toro ha dimostrato di avere valore e può raggiungere i suoi obiettivi" ha chiosato.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti