Udinese, Gotti dopo la Fiorentina: "Successo arrivato in emergenza"

L'allenatore friulano: "Ringrazio due ragazzi che sono scesi in campo in condizioni precarie. Nestorosvki? Un professionista"
Udinese, Gotti dopo la Fiorentina: "Successo arrivato in emergenza"© Getty Images
Tagsgotti

UDINE - Dopo una gara certamente non bella, l'Udinese strappa alla Fiorentina l'intera posta in palio, punti d'oro per blindare la permanenza in serie A. Luca Gotti, tecnico bianconero, esordisce così a Sky Sport: "E' una vittoria arrivata in emergenza, avevamo tanti assenti e pochi sostituti. Ringrazio due giocatori che sono scesi in campo in condizioni precarie, ma non dico chi sono. La sfida ha rispecchiato la nostra mentalità, non volevamo concedere nulla a una squadra forte”.

Udinese all'ultimo respiro: Nestorovski condanna la Fiorentina
Guarda la gallery
Udinese all'ultimo respiro: Nestorovski condanna la Fiorentina

"Nestorosvki si allena sempre con l'entusiasmo di un Primavera"

Gotti prosegue: “Noi una certezza del campionato? La cosa importante è riuscire a dare uno spartito semplice e riconoscibile, poi i giocatori aggiungono la qualità. Non è semplice in certe situazioni interpretare bene le partite. Oggi abbiamo dimostrato grande solidità e voglia di non concedere nulla. Nestorovski ha avuto poche possibilità, ma continua ad allenarsi con l'entusiasmo di un giovane della Primavera e non di un trentenne: il gol se lo merita. Ho trovato un professionista”. I friulani sono tra i migliori marcatori di testa della Serie A: “L’anno scorso abbiamo lavorato sulla ricerca della profondità, eravamo cresciuti molto. L’abbiamo un po’ persa anche per le caratteristiche dei giocatori, ma creiamo superiorità nelle zone di campo che ci permettono di liberare la palla”.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti