Udinese, Pussetto: "Rigore Dzeko? Non vedo tocco, forse ce n'era uno per noi"

L'attaccante argentino si racconta: "È stato un anno difficile, ma ora sto bene e sono felice"
Udinese, Pussetto: "Rigore Dzeko? Non vedo tocco, forse ce n'era uno per noi"© ANSA
TagspussettoUdinese

Sei gol e quattro assist in 29 presenze tra campionato e Coppa Italia, sono questi i numeri dell'attaccante argentino dell'Udinese Ignacio Pussetto. Il classe '95, dopo l'infortunio che l'ha tenuto fuori per diverso tempo la scorsa stagione, è tornato a giocare con regolarità e il periodo peggiore sembra ormai alle spalle: "Sono contento di esser tornato a sentirmi bene. È stato un anno a tratti difficile, ma adesso sto bene e anche la squadra sta andando benissimo. Ogni volta che giochiamo in casa sentiamo l'affetto dei nostri tifosi. Il lavoro che abbiamo fatto ci ha portati a essere dove siamo. Vogliamo finire la stagione nel miglior modo e fare più punti possibili nelle ultime tre partite - ha detto Pussetto a Udinese Tv -. Contro l'Inter abbiamo dato tutto per pareggiare, ci abbiamo provato fino alla fine. Si percepiva che loro stessero soffrendo, ci abbiamo provato in tutti i modi e, alla fine, lo avremmo meritato".

Pussetto torna su Udinese-Inter

Tornando al match di domenica alla Dacia Arena contro l'Inter, finito 2-1 per i nerazzurri, Pussetto commenta: "Sul rigore per l'Inter, io credo sempre nella buona fede degli arbitri, dalle immagini non vedo un'inquadratura che evidenzi il tocco di Pablo su Dzeko, forse c'era anche un rigore a nostro favore, ma a volte è difficile perché devono decidere in poco tempo". Pussetto, poi, prosegue: "Da quando sono arrivato a Udine la gente è stata molto carina con me, qui mi sento a casa. C'è stato un periodo in cui ho giocato poco ed è stato difficile a causa dei problemi al ginocchio. All'inizio sembrava andasse tutto bene, ma non è così, è normale che infortuni così gravi richiedano un recupero più lungo e possono presentare altri piccoli problemi. Ma adesso sto bene e sono felice perché ho sofferto tanto e adesso la squadra sta andando benissimo e sono molto felice".

Perisic e Lautaro Martinez fanno sorridere l'Inter: Udinese battuta
Guarda la gallery
Perisic e Lautaro Martinez fanno sorridere l'Inter: Udinese battuta

Pussetto: "Ho avuto bisogno di esternare il mio dolore sui social"

"A dicembre avevo bisogno di comunicare sui social il mio dolore - continua l'argentino -. Solo la mia famiglia sapeva quanto soffrissi, mi ha fatto molto bene esternare le mie sensazioni. In quel momento non sapevo cosa fare e se fossi pronto per giocare al ritmo dei miei compagni, mi svegliavo al mattino e avevo dolore al ginocchio. Poi ho iniziato a lavorare duro con i fisioterapisti e in palestra e adesso sono molto contento, sto bene, non ho più dolore e oggi mi risento quello di prima. I miei compagni mi sono stati vicino, so che un calciatore deve convivere col dolore a volte, ma non è semplice. Vivo per mio figlio, lo porto sempre allo stadio, adesso inizia a capire le cose. Quando lo vedo mi si illuminano gli occhi. Vogliamo continuare in questo modo e vincere le ultime tre partire, personalmente voglio anche finire nel miglior modo possibile, adesso ho l'opportunità di giocare rispetto all'anno scorso in cui ero infortunato e voglio sfruttare questa opportunità".

Serie A, la classifica con differenza punti rispetto alla scorsa stagione
Guarda la gallery
Serie A, la classifica con differenza punti rispetto alla scorsa stagione

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti