Venezia, Zanetti: "Abbiamo difeso il risultato con i denti"

Il tecnico dopo la vittoria di Empoli: "Non abbiamo fatto nulla, continuiamo a lavorare con umiltà"
Venezia, Zanetti: "Abbiamo difeso il risultato con i denti"© LAPRESSE

EMPOLI - Prima vittoria del Venezia in questo campionato e primi gol arancioneroverdi dopo 19 anni nella massima serie. Il gol del 2-0 di Okereke ha scomodato paragoni importanti con George Weah, ma Zanetti pensa soprattutto al ruolo dell'attaccante nella sua squadra: "Può spaccare la partita come faceva Johnsen l'anno scorso - assicura il tecnico veneziano - ha risposto benissimo facendo un gol di alto livello. È un ragazzo con grande potenziale e deve esprimerlo tutto. Il vantaggio ci ha fatto un po' abbassare e difendere, ma devo dire che la condizione psicologica del momento non era semplice dopo due sconfitte in due gare. Oggi i cambi sono stati obbligati, ma ho visto difendere il risultato con i denti anche se si poteva chiudere il risultato prima".

Okereke come Weah: l'Empoli crolla in casa con il Venezia
Guarda la gallery
Okereke come Weah: l'Empoli crolla in casa con il Venezia

"Continuiamo a lavorare con umiltà"

Dopo la vittoria di Empoli di certo il Venezia non è già salvo, dunque Zanetti invita i suoi a tenere la testa bassa e pedalare: "Dobbiamo passare dalle esperienze, anche da quelle brutte, per crescere. Ma oggi - sottolinea - abbiamo vinto e ci siamo aiutati e in settimana lavoreremo con uno spirito diverso. Non abbiamo fatto nulla e continuiamo a lavorare con umiltà, anche se è la prima vittoria in A dopo 20 anni. Henry? È un giocatore che in area dà fastidio e fa salire la squadra, addosso ha dei carichi di lavoro importanti e sta imparando a conoscere i compagni, ha fatto un'ottima prestazione oggi. Cosa abbiamo fatto in ritiro? Siamo stati insieme - conclude - e abbiamo lavorato tanto in campo".

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti