Venezia, Bertolini: "Orgogliosi della squadra: meritavamo di più"

Il vice di Zanetti: "Peccato non aver fatto punti dopo una grande prestazione, ma questa gara sarà la base per il nostro cammino futuro"
Venezia, Bertolini: "Orgogliosi della squadra: meritavamo di più"© LAPRESSE

MILANO - L'impresa è sfumata proprio al 90', ma la sconfitta maturata in casa dell'Inter non ridimensiona l'ottima prestazione del Venezia: "Peccato non aver fatto punti - ammette Alberto Bertolini, vice di Paolo Zanetti promosso alla guida della squadra dopo la positività al Covid del tecnico arancioneroverde, davanti alle telecamere di Dazn - ma come ogni partita ci siamo riuniti in cerchio a fine gara: è quello il simbolo della nostra unione e compattezza. È stata una settimana difficile per noi, avremmo meritato un punto vista la sofferenza e la fatica con cui abbiamo preparato la sfida e che abbiamo poi riproposto in campo. Siamo andati vicini all’impresa, peccato non esserci riusciti. La difesa a 3 l’avevamo proposta a gara in corso in altre partite, ma venire a San Siro troppo spavaldi poteva essere un errore. Ciò non toglie che abbiamo mantenuto i nostri concetti di base, anche se l’aggressività vista con l’Empoli non siamo riusciti a mantenerla per tutti i 90. Poi ci sono mancati dei dettagli che l’Inter è stata brava a sfruttare".

L'Inter vince all'ultimo respiro. Dzeko regala la vittoria contro il Venezia
Guarda la gallery
L'Inter vince all'ultimo respiro. Dzeko regala la vittoria contro il Venezia

"Abbiamo fatto il massimo, ma non è bastato"

La tormentata vigilia della sfida, con tantissimi casi di positività nei giorni immediatamente precedenti, non ha influito sulla prestazione del Venezia: "Noi abbiamo voluto giocare fin da subito - sottolinea Bertolini - nonostante sapessimo dell’assenza, tra gli altri, anche del mister. I primi giorni di preparazione sono stati complicati, ma poi i ragazzi hanno cercato di isolarsi, hanno messo personalità, coraggio ed orgoglio: abbiamo fatto il massimo, ma non è bastato. La strategia era di mantenere la nostra aggressività concedendo spazio solo sulle fasce. Il dettaglio che ha fatto la differenza è stata la rimessa laterale regalata: l’impresa è mancata per questo. Dobbiamo comunque essere orgogliosi di noi, come lo è stato il mister che ho sentito dopo la partita: questa è la base su cui costruire il nostro cammino".

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti