Verona, sollievo per Gresele: è stato dimesso dall'ospedale

Era stato folgorato da un treno in sosta. Proseguirà la convalescenza a casa. Setti: "Giorno speciale". Margiotta: "Meravigliosa notizia"
Verona, sollievo per Gresele: è stato dimesso dall'ospedale© Getty Images

VERONA - Andrea Gresele è stato dimesso: il 18enne vicentino del Verona Primavera, dopo gli incoraggianti responsi della prima fase riabilitativa che non ha rilevato significativi deficit motori e cognitivi, ha lasciato ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar di Valpolicella (dove era stato ricoverato a seguito dell'incidente che lo aveva coinvolto) per fare ritorno a casa, in famiglia. Gresele, rende noto il Verona, "proseguirà a domicilio la convalescenza, cui seguiranno le fasi successive del percorso riabilitativo". Un mese fa il giocatore era stato colpito da una scarica elettrica su un treno in sosta: in seguito è stato ricoverato in terapia intensiva, sottoposto a coma farmacologico, e ora il ritorno a casa. 

Setti: E' un giorno speciale

“È un giorno speciale e di grande gioia per tutto il Club - ha commentato con malcelata commozione, il Presidente Maurizio Setti -. Siamo contenti per Andrea, per la sua straordinaria famiglia, che ha affrontato il difficile momento con grande determinazione e pari lucidità, ma anche per le tante, tantissime persone che si sono strette attorno ad Andrea, ai suoi cari e all’Hellas Verona. Noi ci siamo messi a disposizione del ragazzo, della famiglia e di chi lo ha preso in cura. Niente di straordinario, ci siamo fatti anzitutto condurre dalle ragioni del cuore: Andrea è uno di famiglia, della nostra, grande famiglia dell’Hellas, e continueremo a stargli accanto”.

Margiotta: Meravigliosa notizia

“Aspettavamo questa meravigliosa notizia da tempo, e con grande fiducia – commenta il responsabile del settore giovanile del Verona Massimo Margiotta - Andrea si è sempre distinto, non solo in campo, per la grande tenacia. E’ un ragazzo che si è fatto voler bene da tutti, e non solo all’Hellas e a Verona. Sin dai primissimi giorni e in tutte queste settimane, difficilissime da gestire dal punto di vista emotivo, abbiamo ricevuto una quantità impressionante di attestati di solidarietà, di vicinanza e di affetto. Tutto il mondo del calcio – dalla Serie A alle categorie minori - ha avuto un pensiero per Andrea. Posso solo dire grazie, con tutto il cuore e con profonda gratitudine, anche a nome di Andrea e della sua famiglia”.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti