Tudor: "Verona, occhio allo Spezia. Kalinic? Gli serviva solo fiducia"

Il tecnico: "Tra Roma, Salernitana e Genoa avremmo potuto fare qualche punto in più. Fisicamente stiamo bene"
Tudor: "Verona, occhio allo Spezia. Kalinic? Gli serviva solo fiducia"© ANSA

VERONA - “Mi aspetto una gara tosta, lo Spezia venderà cara la pelle, così come ha sempre fatto anche nelle ultime gare contro Milan e Juventus. Dobbiamo essere sempre pronti, contro ogni avversario, perché ogni gara è molto importante e al contempo difficile. Lo Spezia come noi lotta per la salvezza, quindi bisogna fare tutto il possibile per fare risultato, ci sono in palio punti importanti ma li si otterranno solo se la prestazione sarà di alto livello". Il tecnico del Verona Igor Tudor, in conferenza stampa, ha presentato così la gara con lo Spezia di domani. Un impegno importante già in chiave salvezza per i gialloblù. "Hanno un ottimo palleggio, oltre a una grande capacità di andare in contropiede e sfruttare la profondità. In generale, è una squadra che sa stare in campo e ha un allenatore molto interessante, che già a Genova aveva dimostrato di avere le sue idee. Non ci sono dettagli particolari su cui mi voglio soffermare, dipenderà soprattutto da noi, dallo spirito e dall’atteggiamento che metteremo in campo”.

Doppietta Destro, poi Kalinic: 3-3 show Genoa-Verona!
Guarda la gallery
Doppietta Destro, poi Kalinic: 3-3 show Genoa-Verona!

"Avremmo potuto fare qualche punto in più"

"Come arriva il Verona? Siamo reduci da una bella settimana di lavoro, durante la quale abbiamo lavorato su diversi aspetti. Sono contento che anche Veloso e Rüegg siano tornati a disposizione. Posso solo parlare bene dei miei ragazzi per l’impegno e l’applicazione che stanno mettendo quotidianamente in allenamento. Nelle partite contro Roma, Salernitana e Genoa la mia sensazione è stata quella che avremmo potuto fare ancora più punti. Poi chiaramente non è facile contro nessuno, ma la squadra ha la sensazione di poter fare bene contro tutti se si continua a lavorare con questa abnegazione e umiltà”. E ancora: "La condizione fisica è già buona. Nelle ultime due partite abbiamo affrontato due trasferte ravvicinate nelle quali ci siamo trovati sopra 2-0 ma se ci hanno recuperato nel finale non è stato a causa di un crollo fisico. A Genova l’episodio del rigore ci ha penalizzato, riaprendo la partita. In quelle situazioni, dobbiamo migliorare dal punto di vista della concentrazione”.

"Kalinic doveva solo ritrovare fiducia"

Su un attacco che ha cominciato a segnare con regolarità: “Era giusto dare spazio a tutti gli attaccanti, specie con così tante partite ravvicinate, ma questa è una rosa con tre punte a disposizione che – seppur con caratteristiche differenti – offrono sempre grande qualità a prescindere da chi scenda in campo e da quale modulo offensivo si utilizzi. Ogni gara ha una storia a sé ed è bello poter scegliere di giocare con una o due punte. Kalinic? Ho un bel rapporto con lui, è forte e ha sempre fatto i suoi gol, si trattava unicamente di ritrovare la fiducia, che per una punta è un aspetto importante”. La chiosa è sui giovani: "Casale? Ha fatto molto bene a Genova, continuando ad applicarsi come sta facendo ora può crescere ancora molto, mentre mi è dispiaciuto non aver dato spazio a Cancellieri, su di lui stiamo facendo un lavoro sul lungo periodo, perché è un talento ancora molto giovane e può dare tanto a questa squadra lavorando su quello che ancora gli manca” ha concluso Tudor.

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti