Antenucci il veterano ha sempre voglia di Bari

"Non ho mai vissuto un avvio di stagione così. Torneo duro, ma ci toglieremo belle soddisfazioni"
Antenucci il veterano ha sempre voglia di Bari© LAPRESSE
3 min
Antonio Guido
TagsAntenucciBari

BARI - L’ultimo gol in Laguna. Da quel pomeriggio, 8 ottobre, il Bari non vince e Antenucci non segna. Un doppio digiuno dopo il raid a Venezia che ha tolto alla squadra di Mignani il primato in classifica e ha costretto il bomber molisano a segnare il passo. «Fare risultato è sempre bello, ma bisogna far fronte a un campionato difficile ed equilibrato. Non si può pensare di vincere sempre. Dopo un inizio davvero incredibile, qualche pareggio ci può stare. Abbiamo incassato solo due sconfitte. Non ricordo un inizio così importante in carriera».

Fare meglio in casa

Serve un’inversione di tendenza al San Nicola. Rimettersi in corsa e anche alla svelta avendo vinto una sola volta, pareggiandone quattro insieme con una sconfitta. Non ci sono altre possibilità che ripartire cercando di farlo nel migliore dei modi. «Dobbiamo cercare di fare più punti in casa, perché ogni volta abbiamo uno spettacolo di pubblico che ci sostiene. Dobbiamo cercare di fare meglio. Il campionato però e molto equilibrato, non so se in alto o in basso. Ma ci sono buone squadre e buoni allenatori. L'attesa di inizio stagione è giustificata. Sarà un campionato equilibrato e avvincente fino alla fine».

I bomber senza età

Trento anni e non sentirli. Uno dei decani in campo. «Non sapevo di essere finito sul podio dei marcatori più anziani di questa serie B insieme con Di Cesare e Larrivey ma c'era da immaginarselo. Siamo pochi i "vecchietti" del campionato, ma fa piacere». Antenucci e Di Cesare un tandem invidiabile. « Cerchiamo di dare sempre il 100%, con l'esempio e con le prestazioni . Sono contento di quello che sto facendo. Con il lavoro possiamo toglierci delle belle soddisfazioni. Nei miei quattro anni qui sono successe tante cose. Quando sono arrivato qui l'obiettivo era la B, ci abbiamo messo tre anni perché abbiamo avuto tante difficoltà. Ora godiamoci questo campionato».

Tutti gli obiettivi

Antenucci va di fretta. Ne ha il bomber molisano di obiettivi e gli stimoli non mancano. Studia da direttore sportivo, non si sbilancia sulla serie A (“Dobbiamo lavorare, inutile fare pensieri”) ma intanto nel mirino mette il titolo di miglior marcatore biancorosso di tutti i tempi detenuto da Luigi Bretti con 69 gol, Antenucci è a 58. «Mi fa molto piacere. Non valuto solo i gol ma è chiaro che per un attaccante sono importanti. Certo ne mancano tanti ma ci provo. Il mio modo di giocare è un po' cambiato nell'ultimo periodo. Prima ero più finalizzatore, ora sono più regista offensivo. Partecipo alla manovra. In partite come quella contro il Sudtirol che si chiude, hai bisogno di venire a prendere più palloni indietro. Non ho detto però che se non gioco non si fanno risultati. Mancherà Cheddira ma davanti siamo tanti. Gli abbiamo fatto tutti un grandissimo in bocca al lupo. E’ una grande soddisfazione per lui. Speriamo tutti che faccia bene». 


Commenti