Corriere dello Sport

Talent scout

Vedi Tutte
Talent scout

Delort, dal gol al Marsiglia alle dimissioni di Bielsa

Delort, dal gol al Marsiglia alle dimissioni di Bielsa

E' un centravanti, ha 23 anni, è francese e gioca nel Caen: è stato lui, sabato sera, a firmare il ko dell'Olympique al debutto in Ligue 1 e a segnare la fine del rapporto tra il tecnico argentino e il suo club.

 Stefano Chioffi

domenica 9 agosto 2015 21:17

ROMA - Ha scritto una lettera per dimettersi e l’ha consegnata al presidente Vincent Labrune, produttore cinematografico, in una stanza dello stadio Velodrome, dopo la sconfitta in casa per 1-0 con il Caen: Marcelo Bielsa ha spiegato in poche righe i motivi di questa decisione improvvisa, ma che l’ex ct dell’Argentina e del Cile stava maturando in silenzio da diverso tempo. Incomprensioni profonde che non sono state determinate da fattori economici, visto che la società francese aveva chiesto a Bielsa di trattare il rinnovo del contratto, in scadenza il prossimo 30 giugno. Lo strappo è scaturito dal mercato: il tecnico, che ora potrebbe essere sostituito da Zinedine Zidane oppure da Walter Mazzarri, aveva chiesto le conferme di Gignac e Ayew, che sono andati via a parametro zero (il primo ha sfiorato la conquista della Coppa Libertadores con i messicani del Tigres, il secondo ha debuttato con lo Swansea in Premier League segnando un gol al Chelsea). Bielsa è rimasto spiazzato anche dalle cessioni di Imbula al Porto e di Payet al West Ham, che ha vinto subito sul campo dell’Arsenal proprio grazie a un gol del francese e dell’ex laziale Zarate. 

SENZA POTERE - Una squadra smontata, dopo il quarto posto della scorsa stagione e la qualificazione in Europa League. Bielsa aveva chiesto pieni poteri sul mercato, ma si è spesso trovato ai margini delle scelte compiute dal club: già nell’estate del 2014, a distanza di poche settimane dal suo arrivo a Marsiglia, aveva accarezzato l’idea di rifare la valigia.Contrasti e incomprensioni che sono aumentati negli ultimi mesi. Distanze profonde sulle scelte di mercato. L’unico acquisto approvato da Bielsa è stato Ocampos, arrivato a gennaio dal Monaco e riscattato all’inizio di luglio. Poi è arrivato il trequartista Sarr, ex Metz, dalla Ligue 2, e il difensore Rekik, preso per cinque milioni di euro dal Manchester City. 

IL CENTRAVANTI - Bielsa ha lasciato il Marsiglia - presentando dimissioni irrevocabili - dopo la sconfitta con il Caen. Una decisione accelerata dal gol di Andy Delort, che ha fotografato i limiti attuali di un Marsiglia incompleto. Delort ha segnato con un colpo di testa e ha esordito nel modo più bello con la maglia del Caen, che lo ha acquistato un mese fa dal Wigan per un milione e quattrocentomila euro. E’ un centravanti francese, è cresciuto nell’Ajaccio e ha giocato anche nel Metz e nel Tours, dove nel 2013-14 aveva segnato ventiquattro gol in trentasei partite in Ligue 2. Poi il trasferimento in Inghilterra, ma in Championship (che equivale alla nostra serie B) non è riuscito a farsi largo negli schemi di Malky Mackay. E così, dopo il ritorno a gennaio al Tours, adesso ha firmato con il Caen, allenato da Patrice Garande. Maglia numero nove, destro naturale, Delort è alto un metro e 82,  è nato il 9 ottobre del 1991 a Sète, località di mare, e ha sposato il club rossoblù fino al 2019. In passato ha giocato una volta nella Francia Under 20.

Per Approfondire

Commenti