Corriere dello Sport

Talent scout

Vedi Tutte
Talent scout

Lincoln, che colpi: ha 16 anni e lo cerca il Manchester United

Lincoln, che colpi: ha 16 anni e lo cerca il Manchester United

E' un trequartista, è mancino e gioca nel Gremio: a farlo esordire è stato l'ex ct brasiliano Felipe Scolari, che nel frattempo si è trasferito in Cina per allenare il Guangzhou Evergrande. Viene seguito da tempo dagli osservatori di Louis Van Gaal.

 Stefano Chioffi

domenica 4 ottobre 2015 20:09

ROMA - Felipe Scolari ha preso l’aereo per la Cina: ha lasciato la panchina del Gremio alla fine di maggio, dopo aver ricevuto una telefonata dal Guangzhou Evergrande, che ha dato carta bianca all’ex ct del Brasile facendogli scegliere anche il medico (Gustavo Arcos Emilio Campos) e il preparatore delle riserve (Rudy Pracidelli). Scolari ha sostituito Fabio Cannavaro, che aveva ricevuto a sua volta in eredità la panchina del Guangzhou Evergrande da Marcello Lippi. E’ andato via da Porto Alegre dopo aver scoperto un bambino d’oro, Lincoln, trequartista, dribbling e assist, mancino naturale, e averlo lanciato nel “Brasileirao” a sedici anni, sei mesi e tre giorni.

LA CARTA D’IDENTITA’ - Lincoln è stato, finora, il giocatore più giovane del campionato. Scolari non si è fatto condizionare dalla carta d’identità di questo ragazzo, che è nato a Porto Alegre il 7 novembre del 1998, e lo ha schierato addirittura nel blocco dei titolari alla prima giornata contro il Ponte Preta. Era il 10 maggio del 2015: un pareggio per 3-3 e settantadue minuti di applausi per questa mezzapunta. Lincoln si era mosso come esterno sinistro nel 4-2-3-1 disegnato in quella occasione dall’allenatore di origini italiane, che ha divorziato dalla federazione brasiliana nella scorsa estate dopo il deludente quarto posto al Mondiale.

LA MAGLIA NUMERO 10 - Lincoln ha la sfrontatezza dei predestinati. Nel giorno del battesimo si era fatto consegnare da Scolari la maglia numero dieci. Stile, rapidità, inventiva: ha stregato i tifosi nel Gremio Under 19 ed è diventato uno dei punti di riferimento della Seleçao Under 17, guidata da Caio Zanardi e arrivata seconda nell’ultimo “Sudamericano" di categoria, organizzato nel 2015 dal Paraguay. Lincoln è uno dei tesori del nuovo Gremio: l’altro è il centravanti Yuri Mamute, classe 1995, dodici presenze e tre gol.

IL MANCHESTER UNITED - Intorno al cartellino del trequartista, pescato da Scolari nel Gremio Under 19, si è già aperta un’asta. Gli osservatori del Manchester United lo stanno studiando da cinque mesi, come hanno riportato alcuni tabloid inglesi. Lincoln sta continuando però la sua crescita nel Gremio baby, ha giocato soltanto un’altra volta (per tredici minuti) da quando Roger Machado ha sostituito Scolari: ha avuto spazio il 4 giugno del 2015, partendo dalla panchina, durante la sfida vinta per 3-1 contro il Corinthians.

DALLA SCUOLA AL GREMIO - Lincoln è cresciuto in uno dei quartieri più poveri di Porto Alegre, a “Lomba do Pinheiro". I primi a notare il suo talento furono gli insegnanti della scuola “E.M. Heitor Villa-Lobos”. A otto anni ha superato il provino e si è legato al Gremio. Una quota del suo cartellino è stata rilevata dalla “Dis Esporte", controllata dall’imprenditore Delcir Sonda. La mamma si chiama Clode e ha seguito tutta la scalata di Lincoln, che ha regalato alla sua famiglia - con i primi soldi guadagnati - una nuova casa a Guarujà, una delle zone residenziali di Porto Alegre.

LA CURIOSITA’ - Nel 2013 era stato rimproverato dal responsabile della nazionale brasiliana Under 15, Alexandre Gallo, per essersi presentato al campo di allenamento con un taglio di capelli che faceva risaltare il disegno di una “L" (come Lincoln) e di un 10. Ha un contratto con il Gremio fino al 31 dicembre del 2017. Scolari, durante la sua avventura alla guida del club di Porto Alegre, lo aveva utilizzato anche nel campionato “Gaucho", facendolo esordire contro l’Union Frederiquense. Lincoln ha segnato il suo primo da professionista al Campinense nella “Copa do Brasil”.

Per Approfondire

Commenti