Gustafson, il Palermo cerca un altro svedese

E’ un centrocampista, ha 20 anni e gioca nel Feyenoord. Ha un contratto fino al 2019 e ha vinto nella scorsa estate l’Europeo Under 21 con la sua nazionale.
Gustafson, il Palermo cerca un altro svedese
di Stefano Chioffi

ROMA - La tendenza è in crescita: i club europei investono sempre di più sui giocatori svedesi. Tre i motivi: la regolarità di rendimento, il prezzo e la capacità di inserimento. Trentadue hanno un contratto in serie A, in Bundesliga, in Premier League, in Ligue 1, in Liga e in Eredivisie. Undici di loro hanno un ingaggio nel campionato olandese, sei sono stati tesserati in Italia e sei anche in Inghilterra, cinque in Germania, tre in Francia, solo uno in Spagna. Il Palermo sta lavorando con decisione sul mercato svedese: nel 2014 ha preso dall’Aik Solna la mezzapunta Robin Quaison (1993) e nella scorsa estate ha acquistato la mezzala Oscar Hiljemark (1992), ex Elfsborg e Psv Eindhoven, sette presenze e tre gol in serie A. 

L’OBIETTIVO - La Svezia ha vinto l’ultimo Europeo Under 21 superando ai rigori il Portogallo. Ha giovani di valore e i prezzi, a quelle latitudini, sono ancora ragionevoli. Il Palermo sta già seguendo un altro svedese in vista del mercato di gennaio: si chiama Simon Gustafson, ha vent’anni, è un centrocampista, può fare il regista oppure il trequartista nel 4-2-3-1, ha lasciato l’Häcken alla metà di luglio e ha firmato per quattro stagioni con il Feyenoord. Il Palermo sta provando a portarlo in Italia. Gustafson ha già giocato due partite in Eredivisie con la squadra allenata da Giovanni Van Bronkhorst. Novanta minuti contro il Pec Zwolle (2-0), sessantaquattro minuti e un assist per il centravanti Michiel Kramer contro il De Graafschap (2-1). 

LA CRESCITA - Si è allenato a volte anche con il Feyenoord Under 21, guidato in panchina da Patrick Lodewijks. E’ mancino, regala lampi alla manovra, ma garantisce anche equilibri al reparto: va in pressing, è robusto nei contrasti e sui calci piazzati può sfruttare la sua altezza (un metro e 85). E’ la nuova idea del Palermo. Gustafson ha disputato una gara anche in Coppa d’Olanda e altre quattro nella “Beloften Eredivisie”, che corrisponde al nostro campionato Primavera. E’ un centrocampista di buone prospettive e ha fatto parte della nazionale Under 21 - diretta dal ct Häkan Ericson - che ha vinto il titolo Europeo di categoria lo scorso 30 giugno. 

IL PREMIO - Ha già scoperto anche il fascino della selezione maggiore in due occasioni: ha debuttato il 15 gennaio del 2015 contro la Costa d’Avorio (2-0) e quattro giorni più tardi è stato riproposto da titolare - per novanta minuti - dal ct Erik Hamren contro la Finlandia (0-1). Gustafson viene gestito dal procuratore Carl Fhager, lo stesso che segue Oscar Hiljemark. E’ nato l’11 gennaio del 1995. Ha cominciato la sua carriera nel settore giovanile dell’Häcken e ha debuttato nel campionato svedese (Allsvenskan) il 31 marzo del 2013 nella gara con il Göteborg (0-3): a lanciarlo era stato il tecnico Peter Gerhardsson. Nella scorsa stagione, con la maglia dell’Häcken, aveva segnato dieci gol in ventotto partite. Quattro gli assist, due le doppiette (al Mjällby e al Kalmar).

Mister Calcio Cup europei

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti