Corriere dello Sport

Talent scout

Vedi Tutte
Talent scout

Zivkovic, anche l'Inter studia il talento serbo

Zivkovic, anche l'Inter studia il talento serbo

Attaccante esterno, diciannove anni, gioca nel Partizan Belgrado e ha il contratto in scadenza il prossimo 30 giugno. Cinque gol in campionato e tre in Europa League: il Chelsea e il Manchester City lo seguono da diverso tempo.

 Stefano Chioffi

lunedì 2 novembre 2015 14:37

ROMA - Il Partizan Belgrado rischia di tradire la promessa fatta ai suoi tifosi: quella di blindare fino alla prossima estate Andrija Zivkovic, diciannove anni, mancino, attaccante esterno, caratteristiche perfette per il 4-3-3 e il 4-2-3-1, nuova stella del calcio serbo. L’asta, in realtà, è già cominciata. E il motivo è legato al contratto che Zivkovic si sta rifiutando di prolungare: l’accordo è in scadenza, terminerà il prossimo 30 giugno. La trattativa si è trasformata in un braccio di ferro. Contrasti, appuntamenti rinviati e distanze economiche che spingono i dirigenti del Partizan a valutare la cessione a gennaio, durante il mercato invernale, per evitare il pericolo di perdere il giocatore a parametro zero.

LE MANOVRE - Si è mosso il Chelsea, si è fatto avanti il Manchester City, sono entrati in azione il Real Madrid e il Barcellona. E in diverse occasioni, nella tribuna dello stadio del Partizan, erano presenti anche gli osservatori dell’Inter. Dribbling, colpi meravigliosi, stile e velocità, Zivkovic ha impiegato pochi mesi per farsi conoscere dai club stranieri più quotati. Cinque gol in campionato, tre in Europa League, uno nel preliminare di Champions contro la Steaua Bucarest. E poi, dall’inizio di questa stagione, anche sette assist in diciannove partite. Nasconde spesso il pallone ai terzini e accende la manovra con i suoi cambi di marcia sulla fascia. Ha le potenzialità per imporsi, ha la filigrana rara di quei giovani che possono imparare a fare la differenza.

L’INTRIGO - Il Partizan chiede dieci milioni di euro per lasciarlo partire a gennaio. Ma in questo scenario contrassegnato dall’incertezza c’è la possibilità concreta che Zivkovic decida di svincolarsi. Nei prossimi giorni è prevista una nuova riunione. I dirigenti del Partizan sperano ancora di convincerlo a rinnovare il contratto, facendo leva anche su un vincolo di riconoscenza. Zivkovic è cresciuto nel club bianconero, è nato a Nis l’11 luglio del 1996, è alto un metro e 70, ha un sinistro speciale e ha già debuttato nella nazionale serba, quando il ct era Sinisa Mihajlovic. Inventa il passaggio decisivo e si infila in area di rigore con i suoi blitz.

LA STORIA - Ha esordito nella Superliga a sedici anni, era il 28 aprile del 2013, 25ª giornata di campionato, 0-0 sul campo del Novi Pazar. Il tecnico del Partizan era Vladimir Vermezovic. Ma è diventato titolare con Zoran Milinkovic: ventisette presenze, tredici gol e otto assist. Il Partizan, però, non sta vivendo un anno di grazia. E’ quarto in classifica (a - 19 dalla Stella Rossa) e il club ha deciso alla metà di ottobre di cambiare allenatore, sostituendo Milinkovic e affidando la panchina a Ljubinko Drulovic, che ha subito applaudito - in occasione della gara con lo Javor Ivanjica - un gol di Zivkovic. Applausi in campionato e anche in Europa League per l’esterno, che ha segnato una rete all’Az Alkmaar e ha firmato una doppietta contro l’Augsburg. Tre presenze da titolare, mai sostituito, due assist. Zivkovic è mancino, è stato ribattezzato il “Messi serbo” dai giornali di Belgrado. Ha vinto, nello scorso mese di giugno, in Nuova Zelanda, il Mondiale Under 20 con il laziale Sergej Milinkovic-Savic. Maglia numero undici, ha realizzato due gol nella nazionale guidata dal ct Veljko Paunovic ed è stato uno dei protagonisti della finale vinta per 2-1 contro il Brasile ad Auckland.

Per Approfondire

Commenti