Corriere dello Sport

Talent scout

Vedi Tutte
Talent scout

Dahoud, dalla Siria alla maglia del Borussia Mönchengladbach

Dahoud, dalla Siria alla maglia del Borussia Mönchengladbach

E' un centrocampista, ha diciannove anni, gioca nella nazionale tedesca Under 20 ed è uno segreti della squadra allenata da André Schubert, che in dieci partite ha raccolto 26 punti, uno in più rispetto al Bayern Monaco di Pep Guardiola. Due gol e quattro assist in Bundesliga. Ha un contratto fino al 2018.

 Stefano Chioffi

venerdì 11 dicembre 2015 15:23

ROMA - Con l’allenatore svizzero Lucien Favre in panchina, dopo cinque partite, il Borussia Mönchengladbach era ultimo in classifica: zero punti, due gol realizzati e dodici subiti. Presente buio e prospettive povere. Adesso, alla quindicesima giornata, è terzo e lotta per la qualificazione in Champions League. André Schubert è il tecnico del grande rilancio: in dieci gare ha raccolto con il Borussia Mönchengladbach otto vittorie e due pareggi, un totale di ventisei punti, uno in più - nello stesso periodo - del Bayern Monaco di Pep Guardiola. Da precario a intoccabile: Schubert era stato ingaggiato ad interim, dopo le dimissioni di Favre, mentre ora ha un contratto fino al 2017. E’ ancora imbattuto in Bundesliga, ha trasformato una squadra spenta e si è tolto - finora - la soddisfazione di correre più veloce del Bayern Monaco. 

I DUE MODULI - E’ partito con il 4-4-2 e ogni tanto è passato al 3-4-2-1, come sabato scorso quando ha battuto in casa per 3-1 un totem come Guardiola. Ha conosciuto la gavetta, ha guidato il Paderborn e il St. Pauli in serie B, ha diretto la nazionale tedesca Under 15, ha lavorato a livello di settore giovanile e ha allenato la seconda squadra del Borussia Mönchengladbach. Schubert ha 44 anni, si è laureato in scienze sportive all’università di Kassel, dove è nato il 24 luglio del 1971 ed è l’allenatore che ha sorpreso di più in Bundesliga. Viaggia a una media, nel campionato tedesco, di 2,60 punti a partita.

LA SFIDA - L’obiettivo è la qualificazione alla prossima edizione di Champions League. Blindare il terzo posto fino al termine della stagione: ecco la missione di Schubert, che ha salutato senza rimpianti - dopo il ko con il Manchester City - la fase a gironi del torneo europeo più prestigioso, almeno per quest’anno. Priorità, adesso, alla Bundesliga. Il Borussia Mönchengldabach, che aveva incantato all’inizio degli Anni Settanta con Günther Netzer e Rainer Bonhof, con Allan Simonsen e il centravanti Jupp Heynckes, ha ingranato la marcia giusta con Schubert e vuole chiudere in bellezza il girone d’andata. Mancano due partite prima della sosta invernale: sabato c’è la trasferta a Leverkusen contro il Bayer, mentre domenica 20 ospiterà in casa il Darmstadt.

IL RILANCIO - Sei gol e otto assist per il brasiliano Raffael, quattro reti per Lars Stindl: insieme formano il tandem d’attacco. Buono anche il rendimento di Fabian Johnson, esterno sinistro, nato in Germania e nazionale americano, a segno quattro volte. Organizzazione tattica e solidità: prezioso, negli equilibri del Borussia Mönchengladbach, l’apporto dei due mediani Granit Xhaka, classe 1992, capitano, passaporto svizzero, e Mahmoud Dahoud, diciannove anni, origini siriane, emigrato in Germania quando era bambino con la sua famiglia. 

LA PERSONALITA’ - Dahoud copre e costruisce, gioca con la maglia numero otto, recupera tanti palloni e regala logica al reparto. E’ alto un metro e 77, è nato il primo gennaio del 1996 ad Amude, è la novità di questa prima parte della stagione. Viene considerato in Bundesliga come l’under 20 più interessante e promettente. Centrocampista completo, può muoversi davanti alla difesa, ma ha il passo e le risorse giuste per fare anche la mezzala. Lancio, intelligenza tattica, velocità di gambe e di pensiero, quindici presenze in Bundesliga, due gol (all’Augbsurg e all’Eintracht Francoforte) e quattro assist. In Champions è stato utilizzato sei volte. Dahoud ha iniziato a giocare nel vivaio del Fortuna Düsseldorf e nel 2010, da svincolato, si è trasferito al Borussia Mönchengladbach. Ha fatto parte della nazionale tedesca Under 18 di Horst Hrubesch, ha giocato nell’Under 19 di Marcus Sorg e lo scorso 3 settembre 2015 ha debuttato nell’Under 20, lanciato da Frank Wormuth, contro l’Italia di Alberigo Evani, gara vinta dai tedeschi per 2-0 con i gol di Marvin Stefaniak e Maximilian Eggestein.

Articoli correlati

Commenti