Trubin, il portiere da 5.000 euro al mese che ha fermato Lukaku

Diciannove anni, ucraino, è il nuovo talento dello Shakhtar: nel suo ruolo è il titolare più giovane e più alto (due metri) della fase a gironi di Champions. Ha un contratto fino al 2024, il Chelsea e l’Arsenal lo seguono
Trubin, il portiere da 5.000 euro al mese che ha fermato Lukaku© Inter via Getty Images
Stefano Chioffi

Ha uno stipendio di cinquemila euro al mese e ha fermato Lukaku. E’ il portiere titolare più giovane (19 anni) e più alto (due metri) della fase a gironi di Champions. Anatoliy Trubin, con le sue parate, ha imposto il pareggio all’Inter, complicando a Conte la strada per la qualificazione agli ottavi. Gioca nello Shakhtar, che è allenato da un portoghese (Luis Castro, erede del romanista Paulo Fonseca) e ha dodici brasiliani: da Taison a Marlos, da Alan Patrick a Dentihno, da Vitão a Ismaily, da Marquinhos Cipriano a Dodò, da Marcos Antonio a Maycon, da Fernando a Teté.

Trubin è uno dei tre ucraini che trovano spazio nella formazione di Luis Castro. Era partito come riserva, ha sfilato il posto a Pyatov, capitano, capace di interventi prodigiosi e di papere da sigla televisiva. E’ nato il primo agosto del 2001 e vuole proseguire la recente e brillante tradizione dei portieri ucriani: Andrij Lunin, ex Metalist e Dnipro, è stato ingaggiato dal Real Madrid, ha ventuno anni, ed è la riserva di Courtois. Trubin si è formato nello Shakhtar, ha un contratto fino al 2024 al minimo salariale e sta richiamando l’attenzione dei club stranieri: hanno cominciato a seguirlo il Chelsea, l’Arsenal e il Bayer Leverkusen.

E’ stato votato, nella scorsa estate, come il miglior talento ucraino a livello di under 20. Sorprendono la sua sicurezza e la sua personalità. Ha respinto un tiro su punizione di Lukaku quasi all’incrocio dei pali. Ha i tempi giusti in uscita, è abile anche con i piedi, ha fisico e coraggio, istinto e senso della posizione. Luis Castro lo ha promosso titolare. Trubin giocava in porta anche da bambino, nella scuola calcio dell’Azovstal-2 Mariupol. Nel 2014 è arrivato allo Shakhtar. Su Instagram viene seguito da 14.300 persone: ha postato tante foto di allenamenti e partite, ma anche della sua fidanzata Marina Galagan, oltre al video del suo diciannovesimo compleanno. Dopo la sfida con l’Inter, ha scritto sui social poche righe: “Partita bella e molto dura. Bisogna andare avanti così. E lavorare”. I suoi compagni Taison e Solomon gli hanno riconosciuto i meriti dello 0-0: “Fratello, sei grande”. E anche Marina, con tre cuori, ha esaltato sui social la sua prova e il primo posto dello Shakhtar nel girone B di Champions.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti