Kalajdzic, 16 gol in Bundesliga e l’Europeo con l’Austria

E’ un centravanti di due metri: ha 23 anni, è nato a Vienna, ha origini serbe e gioca nello Stoccarda. Sesto migliore marcatore nel campionato tedesco dopo Lewandowski, André Silva, Haaland, Weghorst e Kramaric. Otto gol li ha segnati di testa. Bielsa vuole portarlo al Leeds
Kalajdzic, 16 gol in Bundesliga e l’Europeo con l’Austria© Getty Images
Stefano Chioffi

Era stato accolto con diffidenza, come uno degli stranieri meno famosi e quotati tra i 290 presenti in Bundesliga. Arrivava dalla Zweite Liga, dalla serie B tedesca, e nel 2019 il suo cartellino era costato un milione e settecentomila euro. Un ingresso senza troppa pubblicità, ma Sasa Kalajdzic si è rivelato uno degli affari più intelligenti e vantaggiosi. In Bundesliga ha segnato sedici gol (otto di testa), ha richiamato l’interesse dei club più ricchi (dal Borussia Dortmund al Bayer Leverkusen) e ha permesso al neopromosso Stoccarda di chiudere il campionato al nono posto, restando sempre lontano dalla zona rischiosa. Fisico da pivot: due metri di altezza. Un gigante che colpisce, però, anche per eleganza e agilità. Due doppiette (all’Union Berlino e al Bayer Leverkusen). E altri dodici gol distribuiti in altrettante partite.

L’ADMIRA WACKER - Ha ventitré anni, Kalajdzic. E’ nato a Vienna il 7 luglio del 1997, ha il passaporto austriaco e ha origini serbe. Lo Stoccarda, allenato da Pellegrino Matarazzo (passaporto statunitense e radici italiane), lo aveva acquistato due anni fa dall’Admira Wacker. Una stagione anonima nella B tedesca (162 minuti e un gol), poi l’esplosione in Bundesliga. Sesto migliore marcatore del campionato dopo Lewandowski (Bayern, 41 gol), André Silva (28, Eintracht), Haaland (27, Borussia Dortmund), Weghorst (20, Wolfsburg) e Kramaric (20, Hoffenheim). Ora il suo cartellino vale ventidue milioni. Zero rigori, la sua specialità sono i gol di testa e in acrobazia. Segna con regolarità e rifinisce il gioco con l’istinto di un trequartista, come dimostrano i sei assist.

L’EUROPEO - E’ mancino, ha un contratto fino al 2023 e lo Stoccarda deciderà solo dopo l’Europeo se aprire l’asta. Marcelo Bielsa spinge per provare a portarlo al Leeds, in Premier. Kalajdzic non fa progetti legati al mercato: ora vuole continuare a incidere anche nella nazionale austriaca, inserita nel girone C dell’Europeo con l’Olanda, la Macedonia del Nord e l’Ucraina di Shevchenko e del suo vice Tassotti. Cinque presenze e tre gol (due alla Scozia e uno alle Far Oer), il ct Franco Foda lo ha promosso titolare in un gruppo che sarà guidato in campo da Alaba (ha lasciato il Bayern da svincolato e ha appena firmato un contratto di cinque anni con il Real Madrid) e Sabitzer, i due leader. Ha fatto fortuna nello Stoccarda grazie ai consigli e alla stima di Pellegrino Matarazzo, il tecnico del New Jersey con una storia italiana: il papà è irpino, di Ospedaletto d’alpinolo, e la mamma è nata nel Cilento.

Attiva ora DAZN in offerta speciale fino al 28 luglio per 14 mesi a 19,99€ al mese, invece di 29,99€ al mese

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti